FOGGIA – Domenica 19 settembre 2004, Foggia-Sambenedettese. Debutto allo Zaccheria per il Foggia di Coccimiglio e di mister Giannini, davanti a circa 7000 spettatori. Prima trasferta per la “baby-Samb? di Mastellarini (presente in tribuna con D’Ippolito e Scaringella) e dell’allenatore Ballardini.
Calore tipicamente meridionale quello che lo stadio rossonero sa regalare all’entrata sul tappeto verde dei 22 calciatori. Cartoncini rossi, neri e bianchi (al centro) con un cuore disegnato in mezzo al settore al cui interno compare un telone raffigurante l’immagine di Oscar, tifoso pugliese scomparso a cui la Sud dedica anche lo striscione, appeso in balconata, “Il tuo ricordo vive in noi…ciao Oscar?.
In curva Nord sono sistemati circa 250 tifosi ospiti – poi rimpolpati da una cinquantina di tifosi, Nucleo e Baldi Giovani, che raggiungono la Puglia con una mezz’oretta di ritardo a causa del pullman, rimasto in panne sull’A14 – che al momento della scenografia dei “satanelli? srotolano uno sportivissimo “Solidarietà?. Applaude tutto lo stadio.
“Formazioni? sugli spalti. Per il Foggia la Sud è schierata con Fedelissimi del Borgo, Regime Rossonero, Borgo Croci e Indomabili al primo anello, Foggia Club Troia, RRN sez. San Severo, Briganti Dauni e Armata Dauna nel secondo; Ultras 1980 e Original Fans (con tutta una serie di pezze annesse quali “Solo per la maglia?, Diffidati, “Unica fede? e “Libertà per gli ultrà?) posizionati invece nel settore distinti, lato ovest – a causa dell’attuale indisponibilità, causa lavori, della Nord, loro casa madre dopo la scissione dalla Sud.
La Samb risponde con Onda d’Urto, Fossa Marinara, Nucleo, Baldi Giovani, Fedayn e Inferno Rossoblu. L’immancabile pezza “Sambodromo? e le scritte “Franchetto libero?, “Ultras liberi? e “La nostra lotta mai finirà…ultras unico grido di libertà?, quest’ultima firmata con la dicitura Movimento Ultras. Torce, bandiere, stendardi, rotoli di carta igienica e due fragorosissime bombe carta accolgono le maglie rossoblu.
La Sud pugliese dopo il disegno di cartoncini non esaurisce la propria vena coreografica: “sipario? rossonero che sale dal prato del campo di gioco e spettacolo pirotecnico annesso. Scenario di categoria superiore e se poi ci mettiamo la porzione di distinti animata dalla carta tifogenica e dalle bandiere – svariate, compresi almeno quattro bei bandieroni rossoneri – degli Ultras 1980, non ci resta che rammaricarci per queste due “piazze? relegate in terza serie. Meriterebbero di più.
Il tifo dei padroni di casa, per almeno metà primo tempo, è da incorniciare, con manate e cori scanditi in maniera assai potente. Gli altri settori non seguono l’incipit della curva, ma c’è la zona presidiata dai 2-300 “dissidenti? rossoneri – Ultras e Original – che si danno un gran bel da fare ed alla resa dei conti nel corso dei 90 minuti risulteranno più continui e convincenti di Regime e soci. Un peccato che non si trovino a tifare nella Sud, visto che il potenziale è notevole ed in questo modo non si fa altro che disperderlo. I problemi fra i gruppi è bene comunque rispettarli e lo facciamo. Ci limitiamo ad annotare la prova più positiva dei tifosi sul lato ovest dei distinti.
Per lo spicchio di riviera in curva nord pare prospettarsi, dal punto di vista ambientale, un pomeriggio mica facile, con la dirimpettaia curva Sud che “pigia sull’acceleratore? e tenta subito di mandare in gol la propria squadra e Ultras 1980 e Original che pur non seguendo i loro cori, cantano con veemenza e tentano di “provocare?.
Onda d’Urto e company non si lasciano però impressionare e danno vita al solito inesauribile generosissimo sostegno agli 11 rossoblu. Tutti uniti, belli compatti, con le sciarpe che si alzano all’unisono, con le mani che si stendono e poi battono forte: coreografia dentro la coreografia dei vessilli nostrani che sventolano di continuo.
Se per i primi 45 minuti la “partita del tifo? sarà combattuta – nonostante un calo evidente da parte dei padroni di casa si noti già a metà primo tempo – nella ripresa quasi scompare il Foggia sul campo e quasi si eclissano gli aficionados pugliesi che lasciano il loro lanciacori a sgolarsi invano: l’effetto è quello, brutto, di urla e imprecazioni amplificate dall’impianto della Sud. Insufficiente, non c’è che dire, la prova di Regime e c., dopo aver dato l’illusione, all’inizio del match, di poter riscattare la prestazione opaca dello scorso 15 febbraio, stagione 2003-04.
Illusione appunto, mentre la realtà è per un verso rappresentata dalla Samb “sbarazzina? che a poco poco inizia a fare un pensierino ai tre punti e per l’altro dai tifosi rossoblu che accompagnano con grande fiducia la partita dei propri beniamini, urlando a più non posso ed insistendo sul tormentone “Noi non vi lasceremo mai!?. Sale, se possibile, il volume dei cori, avanza la Samb che però spreca. Poco male, ancora incitamento incondizionato, stavolta chiedono un gol i “profeti? in curva nord, ma è il Foggia a “rischiare? di passare in vantaggio. Da Silva getta alle ortiche un pallone con su scritto “Buttami in rete!?, mentre Bogliacino, dopo gli errori di Gutierrez e Martini, fa di testa sua: decide di non imitare i suoi colleghi e scarica alle spalle di Marruocco. 0-1. Esplode il “carnevale? rossoblu nel settore ospiti, siamo ormai a tempo scaduto e gli ultimi osanna precedono il triplice fischio dell’arbitro.
Finisce come contro il Giulianova, ovvero spendendo gli ultimi rimasugli di voce con “Chi non salta è un ascolano? e “Vi vogliamo così?. Stavolta però il risultato è diverso e probabilmente quelli che sono restati a casa e non hanno dato fiducia a questi ragazzi ora si morderanno le mani. Alla prossima…
Capitolo finale dedicato agli striscioni. Per la Sud “La nuova maglia ci fa schifo!!? – come dargli torto dopo che lo sponsor tecnico ha stravolto la tradizione dividendo in due porzioni la casacca rossonera e mandando in pensione le classiche strisce verticali – e “Finalmente curva Piero?. Per Ultras 1980 e compagnia messaggi contro la società che a quanto pare di intuire non ha apprezzato la loro migrazione dalla Sud: “Ciliberti: 200…sì ma con due palle così!? e “Ciliberti: tu sei Foggia (?)…noi siamo il Foggia!!!?. Per la torcida rossoblu “Gironi stravolti, squadre riammesse…ma le diffide restano le stesse!? , “Auguri presidente? e “Berretti o squadrone…onoreremo sempre il nostro striscione!?. Punto e a capo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 728 volte, 1 oggi)