ROMA – La serie C regolarmente in campo, ma quanto accaduto ultimamente non sarà più tollerato: “Domenica scenderemo in campo, non ci sarà nessuna forma di protesta – chiarisce il presidente di Lega Mario Macalli – ma il fatto che fossero presenti l’85% delle società è un valore politico indiscutibile. La serie C accetta con maturità quanto accaduto, ma non condivide le imposizioni che sono giunte dall’alto. E si augura che tutto questo non accada mai più”
“L’assemblea di oggi – prosegue Macalli – è stata voluta per parlare apertamente di quanto accaduto e confermare la nostra piena volontà di non subire ulteriori mortificazioni, specie per quelle società che sono in piena regola”.
“Ora – conclude il numero uno della Lega di C – abbiamo dato incarico al nostro ufficio legale, rappresentato dall’avvocato Biscotti, di blindare con assoluta certezza i meccanismi per le iscrizioni. Come in passato, noi della C ci candidiamo a dare una mano per la definitiva svolta”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 327 volte, 1 oggi)