SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Ho lavorato nel Roseto Basket, in A2, e siamo stati promossi in A1. A Giulianova, nella pallavolo, siamo stati ugualmente promossi. Adesso sono a San Benedetto, una piazza esigente ma dove spero di poter fare altrettanto bene.? Gabriele Mastellarini, responsabile marketing e comunicazione della Samb, nonché figlio di quell’Umberto che dovrebbe diventare presidente della nuova Samb, si presenta così.
L’obiettivo di Mastellarini è quello di presentare quella che sarà la nuova società, differenziandola nettamente, nei metodi, da quello che è stato il periodo Gaucci. “La Samb Calcio deve rimanere pulita e decisa. Non siamo grandissimi imprenditori come poteva trattarsi con Gaucci, tuttavia abbiamo intenzioni chiare e trasparenti. Noi siamo siamo persone semplici, oneste e umili.? Questo, in sintesi, il succo delle dichiarazioni di Mastellarini, che comunque ha anche anticipato quello che sarà il nuovo assetto societario della Samb. “Daremo comunicazione pubblica della composizione della nuova società entro giovedì prossimo. Dobbiamo verificare punto per punto tutte quelle che sono le carte attualmente della Samb, affinché non ci siano sorprese inaspettate nel futuro.?
Mastellarini ha chiarito anche alcuni passaggi della trattativa che ha portato all’acquisizione della Samb: “Se siamo qui è perché importanti persone di San Benedetto ci hanno chiamato chiedendoci di dar loro la mano in un momento in cui la Samb rischiava veramente di scomparire. Mio padre non è venuto a San Benedetto per fare il Gaucci di turno. Stiamo lavorando affinché in questa nuova società ci sia uno spazio adeguato per San Benedetto: probabilmente due vicepresidenti saranno San Benedettesi, ma nel Consiglio di Amministrazione ci saranno altre persone di San Benedetto. C’è anche l’eventualità che un consigliere sia scelto dal Consiglio Comunale.? Insomma, si sta lavorando per definire al più presto lo scheletro della nuova Samb. Mastellarini precisa comunque che con Alessandro Gaucci c’è stato un rapporto ideale: “Ha avuto precise garanzie ma ci ha messo nelle condizioni di lavorare al meglio, firmando i contratti che abbiamo fatto sottoscrivere ai nostri giocatori, cosa che avrebbe potuto non fare.?
Intanto la Samb si sta muovendo sia per quanto riguarda il nuovo sponsor (in ballo ci sono il Consorzio Turistico Riviera delle Palme e la Carisap, ma anche alcune aziende multinazionali, anche se D’Ippolito precisa che “vogliamo venire incontro alle forze economiche locali?), per il problema del blocco del traffico (dovrebbe essere uno dei primi impegni della nuova società). Qualche nube sembra invece esserci di fronte alla convenzione dello stadio: “Sappiamo che Gaucci ha urlato molto rispetto a questa convenzione, anche se mi dicono che il Sindaco Martinelli è persona molto ragionevole. Certo, se ci viene dato cento per coprire una spesa di cinquanta…”
Ma uno degli aspetti più importanti è quello legato all’acquisto di una punta, che secondo D’Ippolito sarà ufficializzato domani. “Con Savoldi era fatta – dicono D’Ippolito e Mastellarini – poi il giocatore ha preferito andare a Crotone, per una questione di categoria.? Sfumato l’acquisto dell’ex attaccante del Napoli, la Samb sembra orientata a tesserare un giocatore italiano.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 655 volte, 1 oggi)