SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nel corso degli ultimi giorni e delle ultime conferenze stampa la domanda che più spesso è saltata fuori è stata: ma le prefinali nazionali il prossimo anno si terranno a S. Benedetto del Tronto? O verranno concesse al miglior offerente?
Bruno Gabrielli, assessore alla cultura di S. Benedetto, ha più volte ripetuto che le trattative sarebbero riprese a manifestazione conclusa. “Non c’è niente di chiuso” ha ribadito l’assessore in conferenza stampa. “Noi siamo disponbili a mantere il rapporto qualora ci fosse soddisfazione comune. Da parte nostra si farà il massimo sforzo”.
Peccato che durante la serata finale gli interventi di Livio Rocchi, assessore regionale e di Enio Gibellieri, presidente della Camera di Commercio di Ascoli Piceno fossero incentrati sull’annosa questione piuttosto che sugli aspetti positivi della manifestazione.
A mettere il dito nella piaga ci hanno pensato i due intervistati, che hanno accentuato come i rapporti tra Amministrazione e organizzazione non fossero idilliaci.
E mentre la platea si aspettava parole di soddisfazione per una manifestazione così importante per S. Benedetetto, Gibellieri ha sottolineato gli aspetti conflittuali, sperando che come in un matrimonio prevalga buon senso e impegno. Lapidario Livio Rocchi “Vedremo in seguito cosa potrà succedere, speriamo bene per il futuro”.
Solo nei prossimi giorni sapremo se i problemi potranno essere risolti: è certo che le difficoltà, di natura economica e organizzativa, terrano impegate le due parti pe parecchio tempo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 743 volte, 1 oggi)