SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La maggioranza vacilla, l’opposizione prova ad affondare il colpo. Terminato un periodo di calma apparente, il centrosinistra è tornato ad affilare le armi: lo ha fatto questa mattina nel corso di una conferenza stampa, a cui hanno preso parte tutti i rappresentanti delle forze della coalizione. E’ stato il coordinatore comunale dell’Ulivo, Giovanni Gaspari, ad analizzare il difficile momento politico che la Cdl, tormentata da liti e polemiche, sta attraversando: “Siamo rimasti per un po’ di tempo in silenzio, lasciando il pallino nelle mani di chi ha sentenziato che il 2004 sarebbe stato l’anno dell’armonia e della concretezza. Ora siamo qui per tirare le somme: il film è già visto, ci troviamo di fronte al solito teatrino di assessori e consiglieri che vanno e vengono”.
Nel mirino del coordinatore dell’Ulivo è finito, quindi, il caso Pompei: “Tutti si aspettavano la cacciata di Sestri e invece è arrivata quella di Pompei. Cosa succederà ora? Niente, siamo convinti che questa vicenda avrà la stessa conclusione della vicenda che ha avuto come protagonista l’assessore Lorenzetti: Pompei chiederà scusa e sarà reintegrato?.
Gaspari ha annuciato che alle parole l’opposizione presto farà seguire i fatti: “In nove mesi sono stati portati a termine solo due consigli comunali su sette. E’ giunto il momento che i cittadini sappiano cosa sta accadendo. Per questo motivo lunedì inoltreremo formale richiesta, secondo quanto previsto dal regolamento in materia, per la convocazione di un consiglio comunale entro 20 giorni. La città avrà così modo di capire perché la verifica politica della maggioranza abbia sempre un inizio e mai una fine. L’impressione è che finirà per l’ennesima volta a tarallucci e vino?.
Il capogruppo Ds si è fatto, infine, portavoce di una proposta: “A livello internazionale stiamo vivendo una sitazione terribile a causa delle continue minacce della guerra e del terrorismo. Credo che la città debba dare una risposta forte a queste vicende. Chiediamo, perciò, all’Amministrazione comunale di farsi promotrice di un’inziativa concreta di solidarietà. In tal senso, pensiamo sia opportuno cancellare la cena di gala di Miss Italia, programmata per domani sera?.
A margine della conferenza stampa, il consigliere Ds Gabriele Franceschini ha colto l’occasione per muovere una critica, in qualità di responsabile dell’C.h.a.p.p.(Associazione portatori handicap), al vicensindaco Piunti: “Come presidente del Ce.di.ser. chiedo a Piunti perché l’ampliamento di questa struttura, inaugurata nel 2001, non sia stato ancora concesso. Gli ospiti e gli operatori del centro si trovano in una situazione di disagio. Spero che a questo stato di cose si ponga rimedio prima possibile?.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 303 volte, 1 oggi)