A meno di 48 ore il Grottammare del patron Amedeo Pignotti inizierà la sua seconda stagione nel campionato di serie D. I giovani Marcantoni (dalla Fermana), Coccia (dall’Ascoli), Di Mauro (dal Chieti) e Simoni sono gli ultimi arrivati che andranno a completare lo scacchiere biancoceleste.
Emozione, tensione e tanta voglia di cominciare nelle parole del tecnico grottammarese Domenico Izzotti: “Le mie sensazioni per questa avventura che sta per prendere il via sono positive. Ho potuto constatare in questi mesi di avere un’ottima squadra. La gara di ritorno della Coppa Italia con la Truentina ne è stata la conferma. Ho visto che i ragazzi si sono impegnati. Il nostro obbiettivo è di esordire con una vittoria. Dopo la gara vedremo se guarderemo le altre dall’alto verso il basso o dal basso verso l’alto”.
Il Russi, squadra romagnola, è l’avversario del Grottammare nella prima giornata: “E’ una formazione che ci somiglia” – ha proseguito Izzotti – “hanno un bravo allenatore, è composta per lo più da giovani ed è ben organizzata. Vincerà chi sarà meglio attrezzata fisicamente e mentalmente”.
Solo Potacqui guarderà l’incontro dalla tribuna perché squalificato, per il resto il trainer biancoceleste ha a disposizione l’intera rosa: “Devo fare un plauso particolare al nostro preparatore Palestini che ha svolto un lavoro esemplare”.
Con la disputa della prima gara inizierà anche la sindrome del calendario: “Gli ho dato una vista veloce perché preferisco guardarlo giorno per giorno. Il campo sarà il giudice della stagione. Foligno e Riccione sembrano essere le più quotate per la vittoria finale, spero che il Grottammare possa essere l’out-sider di questo torneo”.
Tra i nuovi acquisti, oltre ai giovani sopra menzionati, c’è anche Patrick Moro. Nonostante le sue 34 primavere, possiede la vitalità di un ragazzino. Mister Izzotti ne è entusiasta: “Si è integrato con grande umiltà in una squadra principalmente composta da giovani. Ha una gran voglia di far bene, non possiamo che esserne soddisfatti”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 314 volte, 1 oggi)