GROTTAMMARE – Riportiamo una notizia apparsa sul sito dell’agenzia AGI secondo cui un’insorgenza marina di ammoniaca, ad elevata concentrazione tossica (148 milligrammi per litro, centinaia di volte superiore alle norma), sarebbe stata scoperta a 100 metri dalla battigia di Grottammare dal Nucleo sommozzatori della Capitaneria di porto di San Benedetto, in piena area di balneazione considerata sicura, e frequentata da centinaia di bagnanti. La presenza del gas e di altro materiale inquinante, come streptococchi, sarebbe da far risalire allo sversamento in mare derivante da una rete fognaria non urbana.
La presenza della sostanza sarebbe stata rilevata davanti allo chalet ‘California‘ e ne sono stati informati sia la Procura della repubblica di Fermo che l’ASL n.12 di San Benedetto. Il fatto è stato accertato già due volte, il 13 e 16 agosto scorsi.
Fino ad oggi il Comune di Grottammare, secondo l’agenzia, non avrebbe ritenuto opportuno intervenire, delimitando la zona interessata o adottando provvedimenti di altro genere. Ulteriori verifiche sono in corso.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 417 volte, 1 oggi)