Un’insorgenza marina di ammoniaca, ad elevata concentrazione di tossicita’ (148 milligrammi per litro, centinaia di volte superiore alle norma), e’ stata scoperta a 100 metri dalla battigia di Grottammare, in piena area di balneazione considerata sicura, e frequentata da migliaia di bagnanti, dai sommozzatori della Capitaneria di porto di San Benedetto del Tronto. La presenza del gas e di altro materiale inquinante, come streptococchi, sarebbe da far risalire allo sversamento in mare derivante da una rete fognaria non urbana.
La presenza della sostanza è stata rilevata davanti allo chalet “California” e ne sono stati informati sia la Procura della repubblica di Fermo che l’ASL n.12 di San Benedetto. Il fatto è stato accertato due volte, il 13 e 16 agosto scorso. Fino ad ora, comunque, il Comune di Grottammare non ha ritenuto opportuno intervenire, delimitando la zona interessata o adottando provvedimenti di altro genere. Ulteriori verifiche sono in corso.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 133 volte, 1 oggi)