C’è un nuovo mollusco sul mercato ittico italiano. A stabilirlo ufficialmente, coniando il nome italiano di ‘Scrigno di Venere’, e’ la Gazzetta ufficiale. E’ l’Anadara, nome scientifico del mollusco bivalve immigrato accidentalmente dall’oriente. E’ comparso per la prima volta in Adriatico negli anni ’60. Per molto tempo è stato presente in piccole quantita’ nei mercati pugliesi. Ma l’idea di farne un vero e proprio business e’ venuta al Consorzio pescatori riuniti di Cupra Marittima nel 2000. Da allora sono state condotte prima ricerche per valutare la consistenza degli stock, poi analisi sanitarie per stabilirne
la salubrità.
Tutti gli esami ora sono stati superati e sono culminati con la pubblicazione del decreto ministeriale che ne avvia di fatto la commercializzazione.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 345 volte, 1 oggi)