SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sebbene sia solo la prima edizione, di improvvisato la Biennale Adriatica delle Arti Nuove ha ben poco. Uno staff composto da giovani appassionati, a partire dal direttore artistico Luigi Maria Perotti a quello organizzativo Alessandro Perozzi, hanno saputo dare vita ad un evento che si spera continuerà a crescere di edizione in edizione.
“L’edizione zero della Biennale ha riscosso lo scorso anno notevoli favori in termini di presenze e adesioni. È per questo che l’Amministrazione Comunale ha deciso di puntare su questo evento, cercando anche di “destagionalizzarlo”, commenta il vice sindaco e assessore alle politiche giovanili Pasqualino Piunti, “visto che l’anno scorso si svolgeva a luglio. L’obbiettivo è far sì che la manifestazione possa diventare un evento tradizionale del panorama sambenedettese e che possa attirare un turismo riconoscibile nel tempo”. Piunti ha anche posto l’accento sul taglio sociale di un’esperienza del genere, che sebbene mascherata sotto le sembianze artistiche coinvolge anche e soprattutto l’attività lavorativa.
L’esposizione della Biennale Adriatica delle Arti Nuove si dividerà tra il Palazzo Bice Piacentini, con gli spazi dedicati all’architettura e al design, e al Palazzo dei Congressi, con le arti visive e musica. La manifestazione, come ha sottolineato Gabriele Pezzini, curatore del settore design, dovrà costituire un incentivo e un punto di partenza per la formazione di giovani emergenti.
Le opere non sono state selezionate in base ad un tema specifico, ma esclusivamente sul valore oggettivo dell’opera. L’obbiettivo era infatti quello di responsabilizzare il ruolo dell’artista, annullando a sua volta quello del curatore; il risultato è un insieme eterogeneo di opere ciasucna con il proprio messaggio. Un evento, come ha sottolineato Alessandro Perozzi, in forte crescita, e che pertanto va appoggiato per favorire il suo sviluppo.
L’inaugurazione di Art beats avverrà sabato 28 agosto alle 19.00 al Palacongressi, mentre la sede di Palazzo Bice Piacentini verrà aperta al pubblico domenica 29 sempre alle 19.00. Gli allestimenti saranno visitabili fino al 18 settembre.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 863 volte, 1 oggi)