NAPOLI – La fissazione dei parametri di base per un’eventuale asta, le garanzie da chiedere ai sei pretendenti al titolo, la controproposta da rivolgere alla Figc: questi gli argomenti al centro dell’incontro durato circa sei ore tra i giudici della settima sezione del Tribunale di Napoli presieduta da Vito Frallicciardi ed i componenti della curatela fallimentare dell’ex società calcistica azzurra.
Alla riunione non ha partecipato la Figc, che secondo indiscrezioni si appresterebbe a presentare al tribunale una nuova proposta, dopo quella della settimana scorsa, per chiudere la vicenda Napoli scongiurando il rischio di una guerra legale con possibili ripercussioni sul campionato di B e la Coppa Italia.
Il tribunale, ha ribadito Frallicciardi, deve soprattutto tutelare i creditori. “Le condizioni che ci vengono offerte devono essere pari o comunque comparabili con quelle fino ad ora esaminate sia dal punto di vista economico che delle certezze e delle sicurezze?. In particolare “la federazione deve rendersi conto che dovrebbe garantirci qualora il fallimento fosse fatto oggetto di un’azione di risarcimento danni. A noi interessa la garanzia che se accetteremo di raccogliere la proposta transattiva non ci saranno ulteriori cause. Comunque per ora non escludiamo la B?.
Intanto per domani rimane fissata l’udienza, ore 10.30, tra le parti fissata dal giudice Renato Luigi Lipani. A questo punto dalla curatela presieduta dal professor Nicola Rascio verrà avviato un nuovo giro d’orizzonte tra i concorrenti (Caretti, Gaucci, De Luca, Azzurra Calcio, Cordata Nolana, Pozzo). “Tutte le proposte – ha evidenziato Francesco Fimmanò della curatela – dovranno prevedere una maggiorazione per la serie B. I valori di partenza per la C1 si aggirano intorno ai 20/23 milioni di euro?.
?Il peggiore accordo – insiste Frallicciardi – è comunque migliore di qualsiasi causa vinta. Ovviamente preferiremmo evitare nuove cause e vicende in tribunale. Finora abbiamo avuto dei «compagni di viaggio» e li avremo finchè i nostri interessi coincidono?.

Fonte: foggiacalciomania.com

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 365 volte, 1 oggi)