Il direttore generale della Samb, Claudio Molinari, ha indetto una conferenza stampa per diffondere il pensiero di Alessandro Gaucci e della famiglia Gaucci. “Siamo a San Benedetto da quattro anni e abbiamo vissuto momenti esaltanti e altri più difficili, ma in questo momento abbiamo una squadra iscritta al campionato di C1. Loro a fronte di importanti investimenti non hanno avuto nessun riscontro. Al momento, la situazione del calcio e della famiglia Gaucci (Perugia e Napoli) non consentono alla famiglia Gaucci ulteriori investimenti a San Benedetto?.
Molinari entra nel vivo della questione: “Da tre o quattro mesi la famiglia Gaucci ha messo in vendita la società a condizione che i nuovi acquirenti si accollino gli impegni relativi all’ultimo campionato della Samb? (circa 1,8 milioni di euro, ndr.).
“La famiglia Gaucci non chiede altro, e quindi non possiamo dire che ci sono delle trattative: chi vuole la Samb deve garantire il pagamento di quella cifra, comprensiva di tasse, Irpef e stipendi dei dipendenti, e l’affare si chiude?.
“Come sappiamo ci sono diverse trattative in corso – continua Molinari – e noi ci auguriamo che una di queste vada in porto al più presto. Per il momento i Gaucci garantiscono la minima amministrazione, e per mercoledì prossimo, a Gualdo, abbiamo convocato i sei giocatori attualmente sotto contratto (Di Dio, Taccucci, Maury, Gennai, Martini e Mintoti) e i ragazzi della Berretti che, assieme al tecnico Vullo, al preparatore dei portieri Piloni e all’allenatore della Berretti Gigi Voltattorni si recheranno a Gualdo per la gara di Coppa Italia?.
Molinari non crede che sia troppo tardi per effettuare il passaggio di proprietà: “Il campionato probabilmente partirà il 12 settembre e c’è ancora un mese per allestire una squadra: ci sono tantissimi giocatori senza contratto e il costo degli stipendi sta scendendo tantissimo. Voglio comunque ringraziare la tifoseria per il comportamento che sta avendo in questi giorni, io mi sento settimanalmente con i suoi rappresentanti e sono convinto che alla fine la vicenda avrà uno sbocco decisivo?.
Ma se nessuna trattativa andrà in porto, cosa accadrà alla Samb? “La famiglia Gaucci garantirà la gestione minima, e si andrà avanti come adesso, giorno per giorno. Poi, nessuno può sapere cosa accadrà: forse servirà un’apertura della città nei confronti dei Gaucci (so che ieri Alex ha parlato con il sindaco Martinelli). Intanto posso garantire che Alessandro Gaucci è disposto a parlare con una delegazione di tifosi, se questi vorranno?.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 588 volte, 1 oggi)