Lucci, proprietario dell’azienda Frigotecnica, è da quest’anno il nuovo patron della Ripa. Con il suo arrivo è mutata anche l’organizzazione societaria che ruotava intorno alla squadra. Il tecnico Franco Mascitti è stato convinto a rimanere grazie ai buoni propositi e alla voglia di far bene dalla nuova dirigenza “sono contento di essere stato riconfermato. La volontà di restare è stata dettata dalle concrete intenzioni della società di gettare basi importanti per il futuro”.
“È stato difficile lavorare la stagione passata” – ha commentato il mister – “poiché la squadra era reduce da una scottante delusione in campionato. Aveva perso la vetta della classifica nonostante i tanti punti di vantaggio accumulati. E sono usciti sconfitti dai play off. Per il campionato che verrà, non ho di questi problemi. La squadra l’anno scorso ha disputato un torneo di media classifica piazzandosi settima. Mi sento sollevato, posso studiare gli errori commessi e migliorarli”.
Sul prossimo torneo che partirà l’11 settembre, mister Mascitti ha l’idee chiare su come impostare la nuova squadra “puntiamo alla valorizzazione dei giovani, vivaio fondamentale di ogni club. Non cercheremo di stravincere ma semplicemente amministrare un campionato evitando patemi di retrocessione. Poi se ci accorgiamo di poter puntare in alto, ben vengano i play off”. È cauto nell’affermare di voler ambire ai piani alti poiché le formazioni che compongono il girone D della prima categoria, sono blasonate “quest’anno sarà dura farsi largo. Ci sono squadre come Cuprense e Sangiorgese che fanno capitolo a parte. Mi hanno detto che il neo-promosso Atletico Piceno è molto forte. Dobbiamo, quindi, lottare ma ciò non ci scoraggia. È uno stimolo a far bene”.
Intanto sono giunti tre rinforzi. Dalla Cuprense è stato preso Dalla Sciucca e dal Colli calcio è stato acquistato il centrocampista Leonardo Perozzi. Il tecnico Mascitti lo conosce bene “l’ho avuto con me ad Acquaviva quando era in Promozione due anni fa”. È stato ingaggiato l’attaccante Fabio Massaroni svincolatosi dal Porto d’Ascoli che andrà a rinforzare un reparto messo troppe volte sotto accusa.
È lo stesso mister che predica il mea culpa “con la venuta di Massaroni abbiamo cercato di potenziare il settore d’attacco visto che lo scorso anno abbiamo peccato parecchio in zona gol. Abbiamo contattato anche Martelli ma dobbiamo tenere d’occhio gli ’84. In un certo senso siamo vincolati dai fuoriquota anche se la stagione passata abbiamo avuto in squadra due ragazzi dell’84 che tutt’ora prendiamo in considerazione”.
Nessun ritocco in difesa, è stata la meno battuta. Inoltre si cercherà, come tutte le formazioni dilettanti, di attingere dal vivaio e valorizzare i giovani della juniores. La preparazione pre-campionato avrà luogo in sede, a Ripatransone, due-tre giorni prima di ferragosto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 307 volte, 1 oggi)