Immagini manipolate in cui le foto assumono una particolare visione del quotidiano; polaroid che vengono modificate attraverso la tecnica del collage; interventi grafici esterni che conferiscono alle opere molteplici sfumature, significati differenti a seconda delle proprie visioni personali ed intimistiche.
È questo l’obiettivo del creatore delle opere, Andrea Nanetti, bolognese laureato in economia, portato alla fotografia grazie ad un regalo, una macchina fotografica, che gli era stato fatto per la sua prima comunione.
Nanetti ha frequentato vari corsi di fotografia ed ha trovato in Luigi Ghirri il proprio punto di riferimento artistico, secondo un linguaggio fotografico che privilegia l’idea piuttosto che la tecnica.
L’esposizione è allestita allo Spazio Venieri in corso Mazzini 21 a Grottammare dall’8 al 15 agosto. Ingresso gratuito. Info: www.undicidecimi.it/uorning e andrea.nanetti@tin.it

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 329 volte, 1 oggi)