SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Luciano e Alessandro Gaucci rischiano di restare coinvolti dallo scandalo finanziario che ha portato all’arresto dell’ex patron dell’Ancona Ermanno Pieroni. Oltre alla truffa, nei vari filoni di inchiesta che lo coinvolgono risulterebbero anche diverse irregolarità contabili risalenti al 1997, sembra ci siano irregolarità che sarebbero state compiute per conto del presunto proprietario-ombra Luciano Gaucci, indagato anche lui nella vicenda per falsi in bilancio, così come il figlio Alessandro.
Secondo la procura nel 1997 Pieroni, allora amministratore della società dorica, gestiva l’Ancona per conto del proprietario ombra Luciano Gaucci: Pieroni avrebbe messo in atto fittizie risoluzioni di contratti e trasferimenti di giocatori biancorossi dall’Ancona al Perugia per alleggerire il bilancio al fine di ottenere l`iscrizione al campionato di C1 del 1998/99. Pieroni è indagato anche per irregolarità contabili commesse negli ultimi due anni alla guida dell’Ancona (presentazione di fidejussioni false).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 453 volte, 1 oggi)