SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il turismo marchigiano inizia a perdere colpi. E’ questo il verdetto che emerge dai dati su presenze e arrivi nella nostra regione nei primi sei mesi dell’anno. Nel semestre gennaio-giugno 2004 nelle Marche sono venuti 878.614 turisti, per complessivi 4.421.602 pernottamenti. Rispetto allo stesso periodo del 2003, gli arrivi sono diminuiti del 3,57% e le presenze del 2,50%. Analogo trend anche per la provincia di Ascoli: in diminuzione presenze (-30.876, -2,77%) e arrivi (-4.069; –1.98%). Un andamento che sostanzialmente rispecchia quello regionale, anche se con una flessione meno accentuata.
“I problemi esistono, indubbiamente, ma non drammatizziamo” ha commentato l’assessore regionale al turismo, Lidio Rocchi. “Le Marche stanno registrando un andamento turistico nettamente migliore delle altre regioni. A giugno abbiamo avuto una contrazione degli arrivi e delle presenze, ma non a livelli allarmanti. Diciamo che le Marche rispecchiano la situazione nazionale, senza però subire quei pesanti contraccolpi che stanno mettendo in crisi il turismo italiano?.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 258 volte, 1 oggi)