Cupra Marittima raccoglie in sé le caratteristiche della tipica cittadina costiera marchigiana, con le colline che arrivano quasi al mare.
Arrivando dalla SS 16 ci si trova nell’ottocentesca Piazza della Libertà, progettata dall’arch. Vespignani, con la chiesa dei SS Basso e Margherita in alto ad ovest, la scalinata che scende verso il palazzo municipale con la torretta dell’orologio, che domina il paese.
Salendo sul colle si arriva nel vecchio borgo di Marano, dove oltre alle mura quattrocentesche e alla Pineta del Belvedere, in cui d’estate hanno luogo diversi concerti, non si può non visitare, le settecentesche chiese del Suffragio e dell’Annunziata, dove ha sede il Presepe Permanente d’arte spagnola, la Chiesa di Santa Maria in Castello, risalente al sec. XII, il quattrocentesco Palazzo Francesco Sforza e il Museo Archeologico a Palazzo Cipolletti.
Tornando in paese ed andando verso lungo la SS 16 è possibile visitare il Ninfeo, una villa romana d’epoca imperiale di cui è ancora ben visibile la pavimentazione. Sempre risalente all’epoca romana è possibile visitare il Foro, dove nel periodo estivo hanno luogo rappresentazioni teatrali e a settembre alcuni concerti di musica Classica nell’ambito del Cupra Musica Festival.
Un po’sopra l’area del foro, in zona Morganti si può trovare la Pieve di San Basso alla Civita, dove in una casa colonica si possono trovare i resti di una chiesa dell’VIII sec. circa.
Tornando verso sud c’è il castello di S. Andrea, a picco sul mare, ciò che resta di una chiesa del XII sec. dedicata ai SS Gregorio e Andrea, cui fino all’ottocento sorgeva un piccolo borgo.
Sono previste visite guidate al Ninfeo e a S. Andrea dalle 17.00 alle 21.00 e al Presepe Permanente nelle stesse ore il venerdì, il sabato e la domenica.

Dario Ciferri

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 314 volte, 1 oggi)