Una scelta ponderata e voluta quella di Domenico Izzotti alla guida del club biancoceleste. Il patron Pignotti non si è fatto sfuggire l’occasione d’inserire nello staff un tecnico d’esperienza. L’intento è quello di lavorare tutti per un obiettivo societario attraverso uno spirito collaborativo rispettando i ruoli di ognuno. L’allenatore deve divenire, quindi, un uomo-società. Alle stregua di ciò, ruoterà la campagna acquisti.
Sorridente e visibilmente emozionato è apparso, così, mister Izzotti. Samb, Civitanovese in Interregionale, team manager del Giulianova fino ad allenatore della Berretti e responsabile del settore giovanile della Fermana, questo è il suo curriculum. “E’ vero, la mia carriera è iniziata bene anche con buoni risultati? – ha esordito il trainer biancoceleste – “ma ora voglio parlare solo del presente. Sono molto contento si essere qui e non è retorica. Il presidente Pignotti è un uomo che vive a pelle le emozioni, ciò non può che fargli onore, solo in questo modo si va avanti. Adesso tocca a noi far convergere tutti in un’unica direzione?.
Il calcio sta cambiando in peggio, anche Izzotti se n’è accorto “ il pallone non è più quello di una volta, io che ho fatto professionismo me ne sto rendendo conto. Per tale motivo voglio allestire una squadra prima di uomini poi di calciatori?. Principio adottato dalla dirigenza grottammarese fin dai tempi della seconda categoria. Tuttavia l’imput che l’ha spinto ad accettare la panchina del club rivierasco risale a dei complimenti fatti personalmente dal patron Pignotti durante una finale “aveva capito il mio lavoro e ciò che volevo trasmettere ai miei ragazzi?.
“ Quando c’è il contesto giusto, si ottiene sempre qualcosa d’importante? – ha proseguito il mister – “il campionato dello scorso anno per il Grottammare è stato, tutto sommato, positivo considerando che era una neo promossa. Gli amici più cari che hanno saputo della mia scelta, hanno replicato di aver fatto la migliore valutazione. E non è un caso. Un club che ha vinto tanti campionati di cui tre consecutivi, con 100 anni di storia alle spalle, significa che c’è l’ambiente ideale per lavorare?.
A tal proposito il presidente Pignotti ha voluto aggiungere una considerazione “dal magazziniere al sottoscritto deve esserci la massima motivazione. Preferisco perdere dando tutto che perdere dando niente?. Solidale mister Izzotti “mi piace dividere la responsabilità tra i miei collaboratori. Mi metto a disposizione di tutti ma datemi quei 2-3 mesi di assestamento in virtù anche dei giocatori che devono ambientarsi?.
La preparazione estiva inizierà giovedì 29 luglio 2004 in sede. È stata una scelta sia tecnica che logistica per via delle strutture presenti e la comodità dei ragazzi. Si sta cercando il preparatore dei portieri. Ipotizzabile una campagna abbonamenti per avvicinare la città alla squadra di calcio. Intanto si sta cercando di rinnovare il contratto con lo sponsor “Cityper? scaduto quest’anno, altrimenti si valuteranno altre proposte.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 579 volte, 1 oggi)