Si è conclusa con un grande quanto inaspettato successo di pubblico la tappa sambenedettese del Campionato Italiano di moto d’acqua che ha visto in riviera i più forti piloti nazionali di tali disciplina. La due giorni ha regalato un grande spettacolo agonistico sulle acque antistanti il molo sud, ma allo stesso tempo non sono mancati momenti goliardici quali la festa per tutti i piloti, lo staff e l’organizzazione dell’evento, nella giornata di sabato sera, presso lo chalet “Da Luigi?.

Soddisfazione da parte del neo circolo sambenedettese Sailor’s nelle persone del Presidente, Marco Pennesi, e del consigliere, Ernesto Ascani, alla prima esperienza per quanto riguarda l’organizzazione di tale manifestazione: “siamo molto soddisfatti di come si è evoluta la due giorni motonautica qui in riviera. La stessa Federazione è rimasta favorevolmente impressionata dal potenziale che offre la città di san Benedetto del Tronto. Per tale motivo ci stiamo già muovendo per portare qui, nel 2005, i mondiali di Offshore?.

Concetto confermato da Angelo Metti, Presidente del Comitato Regionale Emilia Romagna, nonché delegato per le Marche: “La Federazione ha trovato nel Sailor’s un circolo nautico attivo, con voglia di fare, che ha posto in essere una eccellente organizzazione in uno scenario stupendo. Lo stesso Presidente federale, Avv. Iaconianni, passato venerdì qui a San Benedetto, è rimasto colpito dalla bellezza di tale posto. Va sottolineato poi l’impatto promozionale che una manifestazione del genere provoca a livello turistico: tali gare vengono trasmesse in tv ed hanno un gran seguito di pubblico?.

Proprio su tale punto si è soffermato l’Assessore allo Sport, Bruno Gabrielli che, nel fare i complimenti al Circolo per l’organizzazione celere (solo due mesi di tempo), ha sottolineato come un evento del genere non possa che non portare benefici alla città si San Benedetto del Tronto: “da parte mia, e dell’Amministrazione tutta, c’è sempre l’interesse nell’appoggiare siffatte iniziative che hanno un’importante ritorno d’immagine. Proprio per tale motivo, mi adopererò affinché vi sia la possibilità di ospitare i mondiali di Offshore. Anche perché, fa piacere vedere come diverse organizzazioni (Lega Navale, Circolo Nautico, Capitaneria di Porto, Comune, Radio Azzurra ed altri sponsor) si siano impegnate congiuntamente per la riuscita di un evento di tale portata?.

Probabilmente, gran parte del merito della riuscita della due giorni va anche ricercata nel coordinamento delle diverse realtà nautiche e non presenti nel territorio che si sono coagulate in unico progetto ottenendo dei risultati ottimi come dimostrato dal massimo esponente della Lega Navale Italiana sezione di San Benedetto, Stefano Oriente il quale ha sottolineato che, con piacere, la Lega si sia adopera sia attraverso consigli (ben accetti) , sia attraverso uomini e mezzi; e da Francesco Libbi (staff organizzativo) che ha sottolineato la fattiva collaborazione dell’Associazione degli Albergatori per gli alloggi dei piloti con relativo staff.

Se il buon giorno si vede dal mattino, San Benedetto del Tronto potrà divenire una grande realtà per lo sport nautico nazionale.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 132 volte, 1 oggi)