NAPOLI – Le regole della FIGC e della Lega dicono che per una squadra che vuole iscriversi al campionato, i mezzi propri devono risultare pari almeno all’ 8% dell’attivo patrimoniale e al 25% del valore attribuito in bilancio al parco giocatori. Stando alle verifiche che la Covisoc ha effettuato un mese e mezzo fa, una trentina di squadre in serie C non erano in regola per questi parametri. In C1 erano Benevento, Catanzaro, Chieti, Crotone, Fermana, Giulianova, L’Aquila, Lumezzane, Novara, Sora, Spezia, Taranto, Torres, Vis Pesaro.

In C2, invece, Cavese, Cuoiopelli Cappiano, Fano, Fidelis Andria, Giugliano, Gubbio, Imolese, Ivrea, Mantova, Meda, Montichiari, Nocerina, Pizzighettone, Pro Sesto, Ragusa, Ravenna, Savona, Tolentino. C’erano poi squadre che non avevano neanche consegnato la documentazione richiesta come Paternò, Varese, Gela, Igea, Olbia, Palmese e Rosetana. Molte di queste squadre verranno inserite nella lista nera che la Covisoc renderà nota lunedì. Qualcuno si è messo a posto o è molto vicino a farlo, qualcuno pensa di averlo fatto, altri ancora sanno che non hanno i conti a posto e fingono. Lunedì sarà svelata la verità. E le società avranno poco tempo per presentare ricorso. Dei club messi nel calderone, Catanzaro e Crotone sono volati in B e l’Imolese e il Savona sono scivolati in D. Ci sono poi squadre che verranno escluse dai campionati di C per non aver presentato documentazione in tempo utile per l’iscrizione: L’Aquila, Meda, Palmese, Paternò, Varese e forse Taranto. Restano parecchie società in ballo.

Cominciamo dalla C1. Il Benevento è alle prese con una crisi tecnica rovente: Benedetti si è dimesso a causa della stadi del mercato sannita. La società giallorossa potrebbe far parte dell’elenco visto il buco di bilancio dovuto alla campagna acquisti invernale. C’è tutto l’interesse del presidente Spatola a mettere le cose a posto, anche grazie ad uno sponsor del Comune. Il Chieti ha perso tempo per una trattativa societaria che poi non si è conclusa. Buccilli ha ammesso di essere in ritardo, e non si stupirebbe se venisse inserito tra le società a rischio. La Fermana è un fumoso enigma, nel senso che Battaglioni ha provveduto ad iscrivere la squadra regolarmente, ma nessuno sa se ha messo a posto i conti. Il Giulianova non avrà problemi visto che ha sistemato tutto. Anche il Lumezzane è società accorta, e difficilmente si fa prendere in fallo. Il Novara potrebbe essere a rischio ma i conti verranno presto sistemati mentre lo Spezia ha provveduto ad una ricapitalizzazione importante che la toglie dai guai. La Torres rimane in bilico e probabilmente verrà messa all’indice, rischi anche per la Vis Pesaro e per il Sora, che dovrebbe ricapitalizzare per una cifra importante.

In serie C2, il quadro è leggermente migliore. La Cavese ha risolto i suoi problemi aumentando il capitale con l’ingresso in società di Ottavio Cutillo, il Cappiano e il Fano avanzano ancora qualche problema. L’Andria è immobile sul mercato e probabilmente vuol prima sistemare i conti. Il Giugliano sistemerà o ha già sistemato tutto, il Gubbio non corre rischi così come il Mantova, che ha cambiato padrone, e la Nocerina che ha provveduto ad accordarsi per una rateizzazione di Enpals ed Irpef. Dubbi sulle condizioni del Montichiari, meno su quelle del Pizzighettone. Rischiano qualcosina Pro Sesto e Ragusa, il Ravenna si è messo a posto completamente. Infine, non dovrebbero esserci particolari problemi per il Tolentino. Su Rosetana, Igea ed Olbia, in possesso di dati concreti c’è solo la FIGC. Che fra qualche giorno, attraverso la rinnovata Covisoc, dirà tutte le verità.

Previsioni: minimo una decina di squadre saranno segnalate. E non tutte potrebbero risolvere le loro situazioni. I club messi all’indice avranno tre giorni di tempo per un appello alla Coavisoc (Commissione d’appello della Covisoc). Il 26 la Coavisoc si pronuncia sui casi in esame e il 27 luglio il Consiglio Federale rende noto il rooster delle 132 squadre professionistiche, con le escluse che potranno appellarsi solo agli organi competenti del CONI e non ai TAR regionali.

da tuttalac.it

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 125 volte, 1 oggi)