PESARO- Sospiro di sollievo tra la tifoseria per l’ok avuto dalla lega per il primo passo per l’inscrizione al campionato di C1, ora si attende il verdetto definitivo , ma sopratutto i programmi di una società chiusa sempre più nel silenzio. Lunedì sono previste le visite mediche per i pochi giocatori in rosa che il 21 partiranno per il ritiro di Serravalle di Carda (PS), per i convocati sicuri sono 12-13 con i contrattizati: Santi, Crocetti,Serafini, Cazzola e Galeri anche se diversi di questi hanno chiesto il trasferimento. I nuovi arrivati sono 5: Wellinghon e Gaeta dall’Inter, Mazzeo e Baleello dal Venezia, Olivetti dal Milan, è in fase d’arrivo ma manca la firma anche Massaro, attaccante sempre dal Milan.

FOGGIA – Il diesse Ciccio Caruso ha portato a termine la trattativa per l’acquisto di David Mounard il centrocampista francese del R.A.E.C. Mons. Il calciatore ha firmato un triennale con il Foggia. Il calciatore è nato il 27.10.1980 e nell’ultima stagione ha giocato nel R.A.E.C. Mons. La valutazione del calciatore data dal sito ufficiale della società è di 200 mila euro. Il forte centrocampista nell’ultima stagione ha realizzato una rete in dodici gare disputate. Il calciatore ha avuto come tecnico Sergio Brio e come compagno di squadra l’ex rossonero Malusci.

Il diesse rossonero ha inoltre concluso l’acquisto del difensore del Taranto Giacomo Filippi. L’ex difensore jonico ha firmato nel pomeriggio il contratto che lo lega pare per due stagioni al Foggia del patron Coccimiglio.

VITERBO – Clamoroso divorzio tra la Viterbese e Capucci, il presidente che aveva svolto il ruolo nell’ultimo anno e mezzo carico di entusiasmo e voglia di sognare.

Ha rassegnato le “dimissioni”, apparse nell’aria subito dopo il fax trasmesso dal patron Greco nella serata di lunedì scorso, quando il comunicato stampa recitava anche“è inutile dire che quanto prospettatoci non coincideva con la reale situazione societaria, quindi si è reso indispensabile procedere con la massima urgenza alla regolarizzazione delle varie posizioni”, con evidente riferimento alla precedente gestione economica.

Capucci non ha voluto commentare la cosa, attendendo prima una comunicazione ufficiale da parte della società, soprattutto perché poche ore prima che si diffondesse la notizia aveva avuto modo di ribadire che “la nuova proprietà era al corrente della situazione societaria e il bilancio è stato sottoposto alla visione delle figure all’interno della società”.

La nuova proprietà promette soluzioni a tutti i problemi attuali, conscia dell’inevitabile scetticismo dell’ambiente in merito all’iscrizione, che in molti, soprattutto a livello nazionale, danno per impossibile, ma allo stesso tempo mantiene alto il proprio livello di ottimismo e certezze, invitando l’ambiente del capoluogo della Tuscia a fare altrettanto.

SORA – Ancora due colpi di mercato per il Sora. Ingaggiati Andrea Luciani (23 anni), esterno sinistro di centrocampo, proveniente dalla Fermana, ma di scuola Lazio, e Francesco Cangi (22) esterno destro, dall’Arezzo. Questi nomi si aggiungono a quelli di Carnevali, Morello e Magliocco. Altro possibile arrivo potrebbe essere quello di Romano Tozzi Borsoi (25), attaccante ex Pro Vercelli. Prosegue così il programma di rafforzamento della squadra bianconera che sarà ancora guidata, lo ricordiamo, da Ezio Capuano.

BENEVENTO – La notizia era nell’area. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è arrivata. Corrado Benedetti si è dimesso dall’incarico di allenatore del Benevento. La decisione è maturata dopo le vane promesse fatte dal presidente Spatola, che fino a ieri gli assicurava di costruire una squadra composta per l’80 % dal vecchio gruppo, con l’innesto di tre, quattro elementi adatti a far fare il salto di qualità.

Tutto ciò, a quattro giorni dall’inizio di ritiro di Montefiascone, non è stato concretizzato, e dunque, il tecnico romagnolo dimostrando serietà professionalità, e rispetto verso la città di Benevento, ha deciso di farsi da parte e non restare ancora legato alle promesse da “marinaio” del massimo dirigente giallorosso. Adesso il Benevento è nel caos, Spatola si è dichiarato sempre più solo e non è da escludere che lasci la navicella giallorossa. Sono ore di confusione in casa giallorossa, con i club organizzati sul piede di guerra a protestare contro l’immobilismo della società. Adesso servono azioni concrete e se si vuole programmare una stagione serena, bisogna assolutamente fare chiarezza.

MARTINA – Calcio pugliese sempre più in crisi. Anche il futuro del Martina è pieno di incognite. Al punto che il dimissionario presidente Chiarelli ha prospettato l’ipotesi di messa in liquidazione se il sindaco con porterà in società forze nuove. La cordata intenzionata a prendere le redini del club pugliese è misteriosamente scomparsa, e Chiarelli non è intenzionato ad andare avanti per un altro anno senza essere aiutato da nessuno. La palla ed il pallone del calcio a Martinafranca passano nelle mani del sindaco Leonardo Conserva. Chiarelli aspetterà entro breve una risposta. Se non dovesse arrivare, metterà la parola fine alla sua avventura nel Martina e, con essa, determinerà la scomparsa di una delle poche società pugliesi sane.

PESCARA – Dante Paterna è ufficialmente il nuovo presidente del Pescara. Prende il posto di Pietro Scibilia, alla guida del club per diciassette anni. Scibilia per ora manterrà quote della società, per cercare di disimpegnarsi in seguito. Nel frattempo, il cognato Olivieri ha chiesto appoggio alle istituzioni per la richiesta di ripescaggio in B.

CHIETI – Manca solo l’ufficialità per l’arrivo in neroverde di tre giovani della Fiorentina (restano solo i contratti da firmare): il capitano della formazione Primavera viola, l’esterno Alessio Acciai (84), il centrocampista Marco Biagianti (84, quest’anno al Fano) e la punta Francesco Covelli (84). Richiesto ufficialmente al Torino il centrocampista-attaccante Paolo Bellucci (86), giocatore che Ettore Donati ha avuto a Gualdo.

BARI – Qualcosa lascia intendere che le strade di Jean Francois Gillet e del Bari siano destinate a ricongiungersi. Nulla di ufficiale, ma segnali abbastanza chiari. Premessa: Graziano Battistini non rientra nei programmi biancorossi. A prescindere dall’esito delle trattative di mercato, il numero uno non farà comunque parte della «rosa» da affidare a Carboni. Nonostante il vincolo contrattuale che scadrà nel mese di giugno del 2005.

Qualche tempo fa a Gillet fu detto di trovarsi una squadra perché: nel Bari, stranamente, non ci sarebbe stato più posto per lui. Ma qualcosa deve essere cambiato. Forse dopo l’avvento di Pari e Carboni. In fondo, chi ha i buoni giocatori se li tiene (e Gillet lo è). A maggior ragione con questa crisi che taglia le gambe a tutti i club.

La città freme. Tra speranze di ripescaggio e voglia di facce nuove. Questione di tempo, almeno così sembra. La serie B è una possibilità concreta, così come prima o poi scatterà l’ora degli acquisti. Carboni, d’altronde, ha l’assoluta necessità di lavorare con un organico che, almeno a grandi linee, assomigli alla squadra che sarà chiamata ad affrontare la stagione 2004-2005.
Radio mercato, intanto, continua a parlare di un interessamento del Livorno per il centrocampista Cordova. I giornali se ne occupano da giorni, ma finora nulla di concreto.

notizie estrapolate dai siti blunote.it, sporteate.it, tuttalac.it e foggiacalciomania.com

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 292 volte, 1 oggi)