La finale di doppio disputata al Circolo Tennis “Maggioni? è stata vinta dalla coppia italiana Galimberti-Bracciali . Hanno battuto con un netto 2-0 i rivali argentini Della Torre-Todero. Sono serviti soltanto due set per individuare l’aggressività impostata dagli italiani. Di fatti i sudamericani hanno iniziato l’incontro con due doppi falli riuscendo comunque a vincere il primo gioco. Successivamente Galimberti-Bracciali hanno rimontato la partita deliziando il pubblico con semplici demi-volée. Il 6-4 del primo set ne è la dimostrazione. La ripresa è un’altra storia. Su quattro giochi pari, gli italiani hanno avuto in mano (meglio nella racchetta) l’occasione per chiudere l’incontro. Detto fatto, il 7-5 finale è maturato con un secco 40-0 di Galimberti-Bracciali. Della Torre-Todero sono stati premiati dall’assessore alla cultura Gabrielli come secondi classificati. I vincitori Daniele e Goirgio hanno ricevuto l’ambito premio dal presidente della Carisap Domenico Malavolta.

Intanto nel pomeriggio si è svolta la semifinale di singolo tra Daniele Bracciali e Giorgio Galimberti. Il primo, si è aggiudicato la poltrona da finalista nell’ATP Challenger di San Benedetto del Tronto presentato dalla Camera di Commercio. L’aretino ha sconfitto in un’ora di gioco il compagno di doppio Galimberti 63 64, concedendo solo tre palle break in tutto il match. Partita che è scivolata via rapida, senza troppe emozioni. Molto solido al servizio Bracciali, quasi intoccabile sul diritto, raramente in difficoltà sui colpi dell’avversario. Eppure le prime occasioni di portarsi avanti sono capitate sulla racchetta di Galimberti: due break point consecutivi, sul 3-3 15-40, salvati con agio. Nel game successivo la situazione si è capovolta con Galimberti a fronteggiare il 15-40, procurato da un passante ed una risposta di rovescio d’autore di Bracciali, che poi si è guadagnato il gioco con una efficace discesa a rete. L’aretino ha servito per il set nel game successivo e non ha concesso nemmeno un quindici, mettendo a segno anche 2 ace.

La partita non è cambiata nel secondo set. Galimberti ha iniziato a manifestare la sua frustrazione più sonoramente, rischiando anche in un paio di occasioni il warning per maltrattamento di racchetta che il paziente arbitro Moscarella gli ha risparmiato. Il milanese ha salvato una palla break con un diritto vincente nel primo gioco, se ne è procurata una nel game successivo ma Bracciali gli ha piazzato un altro ace. Il break è arrivato, a favore dell’aretino, nel quinto gioco, propiziato da un doppio fallo di Galimberti e deciso da un diritto lungolinea di Bracciali. Il toscano ha avuto l’occasione per un secondo break sul 4-2, cancellata da un servizio vincente di Galimberti. Poi la partita è seguita i turni di battuta senza sussulti e sul 5-4 Bracciali ha chiuso con un ace sul primo di 3 match-point consecutivi.

L’altro finalista nel singolo è stato Villagran . Ha battuto lo spagnolo Fraile con gesti tecnici di tutto rilievo. I due contendenti si sono dati battaglia, percorrendo in lungo e il largo il rettangolo rosso a loro disponibile. Tra rimonte e sorpassi, Villagran è riuscito ad imporsi per 63 – 46 – 75. Con inizio alle ore 17.45 per la cerimonia d’apertura (ore 18 l’incontro), la finale vedrà un galvanizzato Bracciali opporsi ad uno scatenato Villagran.

Risultati 10 luglio

Campo Centrale

Bracciali (ITA) b. Galimberti (ITA) 63 64

Fraile (ESP) vs Villagran (ARG) 63 46 7-5

Bracciali/Galimberti (ITA) vs Dellatorre/Todero (ARG) 64 75

Domenica 11 luglio
FINALE DI SINGOLO ORE 18
Bracciali (ITA) vs Villagran (ARG)

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 105 volte, 1 oggi)