Subito fuori Federico Luzzi (sceso al 278 nell’entry ranking ATP), vincitore a San Benedetto nel 1999, dopo una battaglia durata oltre due ore e mezza: il toscano ex gemello di Filippo Volandri ha molto da recriminare per la sconfitta contro l’argentino Cristian Villagran (numero 340 al mondo). Dopo un avvio sonnolento, Luzzi ha iniziato il secondo set con rinnovata determinazione, variando con intelligenza le soluzioni tattiche e sorprendendo spesso l’argentino con una letale palla corta. Il momento felice di Luzzi durava fino al 3 a 0 del terzo set, quando il toscano chiedeva l’intervento della fisioterapista per un dolore alla spalla destra, la stessa che da tempo non gli da tregua. Luzzi rimaneva comunque in campo ma non riusciva a difendere il break di vantaggio. Sia Luzzi che Villagran accusavano il caldo e la fatica, ma alla fine era l’argentino a trovare le energie residue per il break decisivo al dodicesimo gioco.

Cade, e con un gran tonfo, anche la testa di serie numero 1 dell’ATP Challenger di San Benedetto: Vincenzo Santopadre, numero 160 al mondo, ha ceduto in 3 partite all’esperto argentino Diego Moyano. Dopo un primo set che aveva forse illuso l’italiano di poter evitare di faticare troppo, con l’avversario molto falloso, i ruoli hanno iniziato ad invertirsi: era Santopadre a trovare con meno precisione la palla, ed intestardirsi in tentativi di palle corte che non riuscivano più a spezzare il ritmo di Moyano, ma si trasformavano invece in comodi assist per l’argentino. Come già Luzzi nel match immediatamente precedente, Santopadre denunciava i sintomi di una cattiva condizione fisica e difficile adattamento alla giornata più calda ed umida del torneo sin qui. Nel terzo set l’italiano cedeva di schianto, incapace di arginare un avversario che non faceva miracoli ma giocava un tennis solido e regolare, caratteristiche oggi sufficienti a superare Santopadre.

Strada quindi spianata nella parte alta del tabellone per Mariano Puerta, ieri vincitore su Ager, che ora se la dovrà vedere proprio contro il connazionale Moyano. Chi potrebbe inoltre sfruttare la sconfitta di Santopadre, sempre nella parte alta del tabellone, è l’italiano Galiberti, facile vincitore con un doppio 6/1 sulla wild card Vukov. Ora Galimberti se la vedrà con Stoppini (proveniente dalla qualificazioni) in un derby tutto italiano.

Epilogo amaro per gli atleti sambenedettesi: in sarata sconfitte anche per Giorgini, che si è arreso dopo due combattuti set all’ascolano Vagnozzi, e di Palpacelli in doppio.

Risultati Martedì 6 Luglio

SINGOLARE
Stoppini (ITA) b. Gronefeld (GER) 7/6 6/1
Bracciali (ITA) b. Pedrini (ITA) 6/4 6/2
Villagran (ARG) b. Luzzi (ITA) 6/2 2/6 7/5
Moyano (ARG) b. Santopadre (ITA) 3/6 6/3 6/0
Viloca (ESP) b. Pettigrosso (ARG) 6/3 6/1
Faurel (FRA) b. Serrano (ESP) 6/4 4/6 6/2
Galimberti (ITA) b. Vukov (CRO) 6/1 6/1
Gimeno-Traver (ESP) b. Prodon (FRA) 2/6 6/4 75
Vagnozzi (ITA) b. Giorgini (ITA) 7/6 7/5

DOPPIO
Bazzica/Lorenzi b. Puerta/Schneiter 6/2 7/6
Ager/Fraile (AUT/ESP) b. Cipolla/Motti (ITA) 6/4 3/6 6/2
Hartfield/Junquiera (ARG) b. Albanesi/Pomponi 6/1 6/2
Cobolli/Pospisil (ITA/CZE) b. Gimeno-Traver/Navarro-Pastor (ESP) 6/4 2/6 6/4
Dellatorre/Todero (ARG) b. Palpacelli/Scala (ITA) 6/3 3/6 7/5

Programma di Mercoledì 7 Luglio

Campo Centrale a partire dalle ore 16.00

Bracciali (ITA) vs Cobolli (ITA)
Viloca (ESP) vs Navarro Pastor (ITA)

Non prima delle ore 20.00

Bracciali/Galimberti (ITA) vs Bazzica/Lorenzi (ITA)
Fraile (ESP) vs Giorgini o Vagnozzi (ITA)

Campo 4

Hartfield (ARG) vs Pospisil (CZE)
Dellatorre/Todero o Palpacelli/Scala vs Felder/Torresi (URU/ITA)

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 140 volte, 1 oggi)