L’Udc non ci sta: basta risse tra An e Forza Italia. E’ questo il monito lanciato dal segretario comunale del partito, Paolo Turano, per richiamare all’ordine le due forze della Cdl, protagoniste di continui botta e risposta polemici dopo la recente sconfitta elettorale. “La litigiosità tra i partiti non paga” afferma Turano. “A seguito di continue accuse reciproche tra i responsabili locali e provinciali di AN e quelli di Forza Italia dovute alla sconfitta del centrodestra alle ultime amministrative, l’UDC di San Benedetto prende posizione ed invita tutti a far sì che una sconfitta politica non diventi teatrale.

Per Turano la mancanza di coesione della coalizione rischia di oscurare l’operato dell’Amministrazione comunale: “A San Benedetto non mancano le capacità personali di chi è chiamato ad amministrare, manca solamente lo spirito di coesione della coalizione, ovvero il saper stare insieme, perché è evidente che i cantieri aperti ed i lavori in progetto ed in atto (vedi la riqualificazione del lungomare e del molo sud, la sistemazione del parcheggio antistante il faro e del parcheggio di via Doria, i nuovi marciapiedi, le due rotatorie in viale dello sport per citare i lavori più recenti o prissimi) sono la dimostrazione che l’amministrazione migliora lo stato dei luoghi e la qualità di vita dei cittadini, quindi raggiunge gli obbiettivi prefissati.

Secondo il segretario dell’Udc, l’assenza della cultura di governo è all’origine della litigiosità del centrodestra: “Le ragioni che spingono i partiti ad una rissosità esagerata vanno ricercate nella scarsa applicazione dei metodi di condivisione e di collegialità. La forza di una coalizione sta proprio nell’approfondimento interno dei suddetti metodi, mentre i litigi e i dictat sono frutto della totale assenza di una cultura di governo fatta essenzialmente di equilibri.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 108 volte, 1 oggi)