*Aver lanciato su una televisione nazionale come Canale 5 il
messaggio che dal prossimo anno sulle nostre spiagge potrebbe
esserci un sensibile aumento dei prezzi per i turisti che
sceglieranno di frequentare la Riviera delle Palme, così come
hanno fatto la Confesercenti e la Fiba attraverso le interviste dei
rispettivi rappresentanti, rappresenta un danno in termini
economici e di immagine per San Benedetto del Tronto di
incalcolabili proporzioni.

Non sorprende il responsabile della Fiba che da qualche anno
gode a vedere la propria immagine riprodotta su qualche
quotidiano locale, ma lascia sinceramente interdetto
l’atteggiamento dell’ex sindaco Paolo Perazzoli
che è rimasto coinvolto in una campagna d’informazione
sbagliata poiché anziché puntare su una legittima contestazione
per l’eccessivo aumento dei canoni demaniali, si è
trasformata in una minaccia di aumento dei costi per i turisti della
riviera.

E’ noto quanto sia importante un passaggio sul TG5 della
prima serata e tale occasione è stata deleteria per il modo in cui si
è gestita l’informazione.

E’ auspicabile che la Confesercenti rettifichi il messaggio
passato, relativo al paventato aumento dei costi, e provveda con
dei correttivi a tranquillizzare i turisti della riviera riguardo il fatto
che non sono previsti aumenti di alcun genere.

Quando AN stava all’opposizione proprio della giunta
Perazzoli, per noi della minoranza era un impegno non scritto
quello di non toccare nel corso della stagione estiva temi legati
all’immagine turistica della città per non rischiare di
danneggiare il polmone della nostra economia.

Sarebbe grave se la iperpoliticizzazione della Confesercenti,
divenuta ormai una sezione distaccata del centro-sinistra,
continuasse a rendersi responsabile di una pubblicità negativa di
San Benedetto del Tronto per strumentali ragioni di contrasto
politico all’attuale maggioranza di centro-destra.

*Dirigente Provinciale Alleanza Nazionale
Luigi Cava

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 66 volte, 1 oggi)