TERAMO – Un epilogo senza sorprese: Biso è dell’Ascoli, Mastronunzio e Favasulli del Teramo. Per Carrozzieri, riscatto della Samp per 700 mila euro, rinnovata la comproprietà con il Giugliano per De Rosa. Per tutti gli altri, si va alle buste. Buono il lavoro del tandem Malavolta-Traini, nel loro soggiorno milanese. Hanno ottenuto ciò che volevano. In attesa dell’apertura delle buste, la società ha ufficializzato la data del ritiro: si svolgerà a Cascia dal 20 luglio all’ 8 agosto.

GIULIANOVA – Il direttore sportivo Fabio Lupo è riuscito a riscattare Scartozzi e Felci, mentre Cariello resta al Chievo Verona. Si dovrà andare alle buste, invece, per Munari mentre Drascek è stato perso. Questione allenatore: in rialzo le quotazioni di Gentilini e Specchia, tramontata l’ipotesi di un ritorno di Francesco Giorgini.

CHIETI – I tifosi dicono basta e scendono in piazza. Stufati dalla continua evoluzione senza conclusione della trattativa fra Buccilli e Picciotti per il passaggio di consegne del Calcio Chieti, i supporters teatini con una manifestazione in piazza scendono in campo per gridare la propria ostilità all’attuale presidente. A questo punto, è davvero auspicabile che si arrivi ad una soluzione fra le parti, che sembrano impuntarsi su dettagli formali e non sostanziali per questioni di orgoglio personale. Se non dovesse sbloccarsi la trattativa e se il Chieti dovesse rimanere in mano a Buccilli, gli ultimi sviluppi non fanno presagire a nulla di buono con la stessa serie C1 (difesa con onore in campionato) che sarebbe a forte rischio.
Intanto il direttore generale Enzo Nuficora è stato impegnato a Milano per le comproprietà. Sono stati persi Mengoni e Onesti, ceduti a Chievo e Fermana mentre Romito è stato riscattato dal Bari. Rimane nebuloso, comunque, il futuro della società teatina.

LANCIANO – Il Lanciano ha risolto parte delle comproprietà. Restano in Abruzzo Chafer e Chiaramonte, al Chievo l’altra metà di Marchini. Con la Ternana si va alle buste per Maggiolini. La società del presidente Angelucci punta molto su forte attaccante ex Lodigiani.

PESCARA – Si è arenata sul più bello la trattativa tra Rosettano Navarra e Pietro Scibilia per il passaggio di consegne del Pescara. Il presidentissimo avrebbe infatti rifiutato i 4 milioni di euro messi sul piatto dall’ex patron di Vis Pesaro e Frosinone, finanziatore di Sora e Isernia. La trattativa non è saltata ma ha subito una brusca frenata. Non è escluso a questo punto che Scibilia si rivolga alla cordata romana che si era detta interessata a rilevare il club. Dovesse fallire anche questa trattativa, al Pescara rimarrebbero l’aiuto delle istituzioni e di qualche dirigente locale (Buccilli, Gravina). Intanto, bel colpo della società ce ha riscattato l’attaccante Calaiò, capocannoniete biancoazzurro nell’ultimo sfortunato campionato di B.

BARI – Alberto Cavasin potrebbe essere l’uomo della rinascita. Il tecnico che ha portato la Fiorentina dalla C2 alla C1 (poi i viola furono ripescati in B) potrebbe infatti accettare di cimentarsi in una nuova impresa. Cavasin accetterebbe a scatola chiusa la C1 in attesa di un probabile ripescaggio in B.Dalle parti della Puglia, l’ex tecnico gigliato si è fatto conoscere per alcuni bei campionati alla guida del Lecce. Fantasiosa l’ipotesi legata a Delio Rossi, che aspetta una chiamata da altre categorie, mentre non è da escludere l’ipotesi legata a Giuseppe Papadopulo, che diversi anni fa allenò l’Andria.

VITTORIA – Il presidente Angelo Dezio è pronto ad infiammare Vittoria. Con la conferma di mister Nevio Orlandi che sembra ad un passo, l’azionista del club siciliano ha dato mandato al nuovo direttore sportivo, Ciccio Sotera, di convincere Lulù Oliveira ad accasarsi al club biancorosso. Il 3-4-3 di Orlandi, con un tridente formato da Clemente, Oliveira e Pisano, rappresenterebbe il miglior viatico per vivere un’altra stagione a ridosso delle grandi.

BENEVENTO – A sorpresa, la società del presidente Spatola ha riscattato l’attaccante dell’Acireale Mattia Mastrolilli. Ceduto invece alla Palmese l’attaccante Ciccio Romano. Questo l’esito delle comproprietà a Milano.

FROSINONE – Non trapela ancora nulla sul nome del prossimo allenatore del Frosinone, neo promosso in serie C1. Si continuano a spuntare i nome sulla lista dei papabili che sembra, ormai, essersi ridotta a due soli tecnici: Zecchini del Teramo e Carboni della Viterbese, con quest`ultimo leggermente favorito sul primo.
Intanto, sul fronte mercato, i dirigenti canarini hanno risolto le comproprietà degli attaccanti Aquino, che resta in Ciociaria, e Ragatzu, da gennaio a L`Aquila, che lascia la società che l`ha lanciato, il Cagliari, per fare ritorno al Frosinone. Infine, viene ceduto a titolo definitivo alla Cavese il difensore Manuel Panini, in forza agli aquilotti da gennaio di quest`anno.

notizie tratte dai siti www.tuttalac.it e www.datasport.it

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 179 volte, 1 oggi)