Luciano Gaucci ci crede nella prospettiva Napoli. Almeno ci credeva ancora nel pomeriggio quando l’incontro fra il suo rappresentante e l’amministratore Bellamio era ancora in corso: «Non mi faccia parlare, tanto si tratta di aspettare solo qualche giorno per avere chiarezza definitiva». Però l’idea gli piaceva troppo per restare in silenzio, e il «no» iniziale è stato cancellato quasi subito: «Io spero che tutto si possa concretizzare e in tempi brevi. Del resto se sono già venuto la settimana scorsa lì a Napoli a parlare con gli avvocati di Naldi, vuol dire che nell’avventura ci credo ciecamente. Sinceramente non faccio fatica ad ammetterlo, io voglio il Napoli».
Il problema è che, fino ad ora, il Napoli non ha voluto lui. Gaucci è stato realmente in città, voleva incontrare il presidente ma s’è dovuto accontentare di parlare con un suo rappresentante perché Naldi, dai giorni delle polemiche tra Napoli e Catania dell’anno scorso, ha deciso di cancellarlo dalla lista degli amici. Ma, in questo momento, quali sarebbero i tempi della trattativa? «Evidentemente rapidi – ha spiegato al telefono Luciano Gaucci – anche perché io ho già presentato tutto il mio piano alla società. E voglio dire di più. C’è già un appuntamento fissato, sarò lì anche io a discutere i particolari della vicenda». Il riferimento è evidentemente all’incontro di sabato.
Ma nel pomeriggio di ieri Luciano Gaucci si era anche sbilanciato sul futuro: «Ho idee molto chiare sulla maniera di costruire la squadra. Innanzitutto porterò con me una parte del mio Perugia. Ma per piacere, su questo argomento niente più domande». Con una sola risposta, dunque, due novità: Gaucci ha deciso di cedere la società umbra (conseguenza logica dell’acquisto del Napoli, perché è vietato possedere due società nella stessa categoria), e ha in mente una base di giocatori praticamente già pronta. Sicché bisogna fermarsi a riflettere e verificare quali sono attualmente i calciatori che Gaucci ha sotto contratto. La lista è lunga, a cominciare dagli allenatori che sono due, Cosmi e Colantuono, rispettivamente con contratto fino al 2005 e 2007. Per quanto riguarda la lista dei giocatori appare certo un allungamento di contratto a Ravanelli che, quindi, sarebbe il primo della lista, ma il Perugia può offrire anche Ze Maria, Obodo, Gatti, Fresi. Di provenienza Catania (società appena ceduta da Gaucci) ma con contratto firmato al Perugia, ci sarebbero anche Mascara, Del Vecchio, l’ex azzurro Guglielmo Stendardo, e ancora Ignoffo e Di Francesco.
Però il presidente del Perugia aveva altro da dire prima di apprendere della «fumata nera» della serata. Sa che in città non c’è entusiasmo per il suo interessamento, qualcuno è preoccupato: «Io ai tentennamenti rispondo con una dichiarazione d’amore per la città, dichiarazione che non nasce oggi. Da sempre amo la gente di Napoli, mi piace stare lì, adoro i momenti che trascorro in quella città. Insomma, scegliere Napoli oggi non significa aver deciso di tentare un affare, ma aver assecondato una scelta che avevo già in mente. Voglio riportare lì il sole del calcio».
(paolo barbuto)
Data: Giovedi 24 Giugno 2004
Fonte: Il Mattino

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 80 volte, 1 oggi)