Musica negli stabilimenti balneari, all’una di notte si torna a casa. Lo stabilisce un’ordinanza del Sindaco Domenico Martinelli, che disciplina per l’intero peridodo estivo l’attività di “accademia di musica e canto” e degli intrattenimenti danzanti negli chalets e negli alberghi. L’ordinanza impone, fino al 30 settembre, la cessazione di queste attività all’una del mattino.

Ci saranno, tuttavia, delle eccezioni. Nelle giornate prefestive fino al 31 agosto il limite stabilito sarà spostato alle 2 del mattino e addirittura alle ore 5 nelle giornate del 24 e 25 luglio (Festa della Madonna della Marina) e dal 13 al 16 agosto. Naturalmente questo non esime i titolari dal rispettare tutte le normative in materia di emissioni sonore e di disposizione delle casse acustiche (per gli chalets, queste dovranno essere rivolte verso il mare) previste da leggi nazionali e regolamenti comunali, in primo luogo dal piano di disinquinamento acustico, nonché osservare tutte le misure necessarie “per limitare la rumorosità dovuta all’ingresso e all’uscita della clientela”.

L’ordinanza prevede, infine, che “le autorizzazioni possono essere revocate o sospese in qualsiasi momento, nel caso di abuso della persona autorizzata come nel caso di reiterata inottemperanza alle disposizioni impartite dal presente atto”. Ulteriori deroghe potranno essere concesse previa richiesta scritta e motivata a cui dovrà essere allegata tutta la documentazione relativa al rispetto delle normative degli impianti di emissione sonora.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 71 volte, 1 oggi)