Il “day after? di Viterbese-Crotone è incentrato sulle polemiche concernenti la direzione del signor Marelli di Como. L’ombra di Crotone-Benevento pare stagliarsi nitidamente nell’ambiente laziale che recrimina senza mezze misure.

Dopo la gara l’entourage glialloblu ha puntato dritto dritto l’indice nei confronti dell’arbitro, ieri le polemiche non sono diminuite. Ci ha pensato l’attaccante Santoruvo a gettare benzina sul fuoco. “Un gol lo avevamo segnato – commenta il giocatore – e l’arbitro ha fischiato nel momento in cui calciavo la palla. Cosa abbia fischiato non lo so, resta molta amarezza perché poteva cambiare il corso della gara a nostro favore?.

L’azione “incriminata? è quella del 3° minuto della ripresa, ma l’episodio che ha fatto perdere le staffe alla Viterbese è quello del presunto rigore su Gimmelli.
“Era netto – sentenzia Santoruvo – perché su Gimmelli sono andati in tre. Non capisco come non si possa dare un rigore del genere. Questo lo dico svestendomi dai panni del diretto interessato, ma guardando al regolamento e basta?.

Dalla Calabria rispondono per le rime alle accuse ed alle lamentele di marca vieterbese. Mister Gasperini parla apertamente di una “campagna denigratoria? perpetrata nei confronti del Crotone e poi si scaglia contro il clan gialloblu facendo riferimento a tutto il loro campionato, costellato, a suo dire, da episodi controversi, uno su tutti quello della trasferta di San Benedetto del Tronto…
“Se loro – dice l’allenatore rossoblu – vanno a rivedere diversi episodi del loro campionato ne troveranno di molto dubbi, compresa una partita ancora da omologare!?

Il giocatore pitagorico Cardinale se la prende invece con
la stampa laziale: “Penso che il demerito vada ascritto alla stampa locale che, se invece di dare spazio ad una partita già giocata ed archiviata (quella col Benevento – ndr), avessero giustamente dato importanza alla gara da giocare, non avremmo assistito a quei beceri cori che ci hanno apostrofato in maniera poco gradevole?.

Chiudendo il capitolo delle polemiche, ricordiamo che le due squadre riprendono oggi la preparazione in vista della decisiva gara di domenica prossima. Se la stessa dovesse finire in pareggio dopo il 90°, si andrà ai supplementari e se anche in questa circostanza il risultato permanesse in parità, allora sarà il Crotone, meglio classificato, a salire in B.

Ieri intanto il Giudice Sportivo ha multato la società calabrese di 1500 euro, alla luce dei “danni provocati alla struttura e agli impianti dei servizi igienici dello stadio? dai suoi sostenitori.

La prevendita per la gara dello Scida – che andrà in diretta su Raisport Satellite – parte domani mattina. Dal Lazio si stanno organizzando per la lunga trasferta; saltato il “treno speciale? per via dei costi e del veto posto dal Questore, la tifoseria gialloblu si muoverà alla volta della Calabria coi pullman in allestimento in queste ore.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 59 volte, 1 oggi)