Nuovo capitolo dell’infinita “telenovela” del calcio scommesse. Ieri è toccato ai presidenti di Ancona e Chievo far “visita” ad Italo Pappa presso la sede della Figc a Roma, in via Allegri.

In mattinata sono arrivati Campedelli e Sartori, direttore sportivo della società veronese. Sono usciti intorno alle 13.30, ma non hanno voluto rilasciare dichiarazioni.

Ben altro l’atteggiamento del patron marchigiano Ermanno Pieroni, il quale davanti ai giornalisti ha confessato, prima di varcare la soglia della Figc: “Sono qui per fare il mio dovere da tesserato e da presidente dell’Ancona”.

In seguito il numero uno dorico ha dichiarato: “L’Ancona è pulita. Io non fatto nomi, ho solo segnalato fatti”. A proposito invece del silenzio tenuto in questi mesi, Pieroni ha detto: “Il mio silenzio era doveroso perchè ho rispettato quello che gli inquirenti mi avevano chiesto di fare”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 116 volte, 1 oggi)