È sfiduciato Antonio Buccilli, che appena una settimana fa era stato accolto benevolmente dalla tifoseria e aveva incontrato il sindaco Martinelli. L’operazione di vendita del Chieti, data per scontata lunedì scorso, sembra definitivamente arenata.

“Sono le 19:30 e ancora devo ricevere la telefonata per fissare un appuntamento nella giornata di domani – ci ha detto – Credo che questa chiamata non arriverà, anche se da parte mia ho sempre la speranza che all’accordo verbale che avevamo avuto ci sia un seguito entro la giornata di domani. Ma ne dubito molto.?

Se Marco Picciotti, l’uomo indicato come possibile acquirente, dovesse far pervenire la sua offerta la prossima settimana?

Temo che in quest’operazione stia giocando un ruolo importante la scadenza elettorale del fine settimana, e che dietro a Picciotti ci siano dei politici che si vogliono far pubblicità prima delle elezioni. Io, ad ogni modo, attenderò fino alle 12:30 di domani, dopodiché terrò una conferenza stampa a Pescara (a Chieti non ci vado più), dove spiegherò alla stampa cosa è accaduto.?

E la Samb?

Tutto è condizionato dalla situazione del Chieti. Sono sempre fiducioso, ma se la data di domani dovesse slittare tempo che non si possa fare più nulla, anche se può succedere sempre di tutto. Certo a San Benedetto il discorso sarebbe, per me, molto più interessante che a Chieti.

Il Pescara è in vendita…

Anche ieri sera, in una trasmissione sportiva di Rete8, hanno fatto il mio nome come possibile acquirente. Tuttavia, anche se ne sono riconoscente per la fiducia che è riposta in me, il mio nome è sempre ripetuto senza che nessuno mi consulti. Non posso rilevare il Pescara da solo, occorrono almeno due o tre imprenditori.

flamminipp@libero.it

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 75 volte, 1 oggi)