“Il giorno 28/05/04 è stata recapitata allo Sporting, con posta prioritaria, una lettera indirizzata a varie società di calcio, testate giornalistiche e istituzioni. Nella lettera, recante la firma dal Sig. Paolo Beradi, erano gia indicate le due finaliste, cioè Crotone e Viterbese (con beneplacito della GEA che fa capo a Moggi e Zavaglia, ed il tutto con la complicità di autorità del calcio di serie C e Arbitri).

Nella lettera si fa riferimento anche all’Avv. Gianni Prete, anche lui indagato con la squadra del Catanzaro dove è il vero Direttore Sportivo ombra, manovrando anche attraverso giocatori che ha in procura con altri club di seri C1 la promozione diretta dello stesso Catanzaro.

La lettera conclude dicendo “per avere conferma di ciò, verificate le scommesse su queste gare che vi ho citato in precedenza che vedono appunto vincenti Crotone e Viterbese, con investimenti ingenti da parte della n’drangheta, come avvenuto ad aprile sempre con il Crotone e all’epoca con lo stesso Catanzaro””.

articolo tratto dal sito www.beneventocalcio.it

GIUDICE SPORTIVO: Respinto il reclamo presentato dal Benevento dopo i “fatti” di Crotone: secondo il clan giallorosso i giocatori sanniti erano stati aggrediti negli spogliatoi e nelle fasi di riscaldamento da parte di addetti e tifosi presenti.
Omologato dunque il 3-1 acquisito sul campo dagli uomini di Gasperini.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 121 volte, 1 oggi)