Ripresi in mattinata gli interrogatori dell’Ufficio Indagini della Figc. Italo Pappa oggi ha tenuto a rapporto i due giocatori del Chievo, Luca Marchegiani e Sergio Pellissier, ambedue ascoltati in merito alla gara Chievo–Modena (2-0), nella quale i giocatori emiliani (nella fattispecie Ponzo e Vignaroli, ascoltati la settimana passata) sembrarono prendere di “mira” l’attaccante clivense, autore dei due assist per le marcature dei veneti, con falli assai duri e decisi.

Il portiere di Jesi, dichiaratosi tranquillo, è stato ascoltato per una quindicina di minuti ed al termine dell’audizione ha detto “Non è stato un vero interrogatorio, ed è andato tutto bene”, aggiungendo poi: “Ho chiesto espressamente il perché della mia convocazione e mi è stato risposto che, essendo il più vecchio della squadra, sono anche quello più addentro alle vicende dello spogliatoio”.

Prima di Marchegiani, intorno a mezzogiorno, era entrato Pellissier che prima di varcare la soglia della sede di via Allegri aveva affermato: “Vorranno sapere se in quella circostanza (si riferisce alla partita Chievo-Modena n.d.r) mi è stato detto qualcosa di particolare, ma ribadirò che si è trattato di normali scontri di gioco dovuti all’agonismo”. Al termine del colloquio tebuto con Pappa lo stesso giocatore si è detto tranquillo e soprattutto convinto che “l’inchiesta non andrà avanti, si risolverà in una bolla di sapone”.

Domani l’Ufficio Indagini farà il punto della situazione dopo una settimana di interrogatori. Le audizioni riprenderanno nella giornata di mercoledì 9 giugno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 121 volte, 1 oggi)