Dovranno restare sui banchi di scuola due giorni in più rispetto all’anno in corso gli alunni delle scuole marchigiane di ogni ordine e grado che si iscriveranno al prossimo anno scolastico. Lo ha deciso la Giunta regionale, che ha approvato, ai sensi del decreto legislativo n. 112/98, il calendario scolastico relativo al 2004-2005. Il nuovo anno scolastico inizierà il 15 settembre 2004 e terminerà il 7 giugno 2005;rispetto all’anno in corso, la data di inizio resta invariata, mentre quella di chiusura slitta al 7 giugno: “Una scelta – spiega Marcello Secchiaroli, assessore regionale all’Istruzione – dettata dalla necessità di raccordare le esigenze delle scuole di base con quelle delle scuole superiori”. In totale i giorni di lezione saranno 205: 206 nel caso in cui la festa del santo patrono non ricorra durante l’anno scolastico o coincida con un giorno festivo. Quelli di vacanza saranno 28 (16 a Natale, 6 a Pasqua, 6 festività nazionali), più le domeniche e un giorno di sospensione deciso autonomamente dalle singole istituzioni scolastiche. Nel periodo natalizio le lezioni saranno sospese da venerdì 24 dicembre a sabato 8 gennaio, in quello pasquale da giovedì 24 marzo a martedì 29 marzo 2005.

Il calendario interessa tutte le scuole primarie e secondarie della regione; le attività educative nella scuola dell’infanzia e le attività didattiche comprensive degli scrutini e degli esami della scuola secondaria di 1° e 2° grado termineranno, invece, il 30 giugno 2005. Il termine è prorogato a dopo il 30 giugno 2005 per le attività delle classi interessate agli esami di stato e per quelle degli istituti professionali che svolgono attività programmate. Slittano a dopo il 30 giugno anche il termine per gli istituti tecnici e professionali che svolgono percorsi formativi per adulti e quello per i centri territoriali permanenti e per i progetti pilota basati su percorsi integrati tra istruzione e formazione professionale.

Per soddisfare particolari esigenze dell’offerta formativa, la data di inizio delle lezioni e l’articolazione delle vacanze natalizie e pasquali possono però essere modificate dalle singole istituzioni scolastiche, previa indicazione della Conferenza dei Servizi da parte dell’ente locale competente.

Nell’anno scolastico 2002-2003 gli alunni delle scuole dell’infanzia delle Marche erano 19.768, quelli della scuola primaria 39.026, mentre gli studenti della secondaria (scuola media inferiore) erano 30.776, per un totale di 89.570 iscritti, così suddivisi sul piano territoriale: 33.459 in provincia di Ancona, 15.538 in provincia di Ascoli Piceno, 18.452 nella provincia di Macerata, 22.121 in provincia di Pesaro e Urbino. Sempre nello stesso anno, gli alunni iscritti alle scuole di istruzione di secondo grado erano 17.178: 5.248 in provincia di Ancona, 4.394 in provincia di Ascoli Piceno, 2.648 in quella di Macerata, 4.888 in provincia di Pesaro e Urbino.

Nell’anno scolastico 2003-2004 il numero degli alunni è aumentato di circa duemila unità, rispetto al 2002-2003. Complessivamente si calcola che gli studenti interessati al nuovo calendario scolastico siano quasi centomila.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 85 volte, 1 oggi)