È Graziano Caringola, l’uomo di trentotto anni, ricoverato presso il nosocomio Mazzoni di Ascoli Piceno nel reparto di rianimazione perché in coma. L’incidente è stato tremendo: si sono scontrati uno scooter di grossa cilindrata e un semplice motorino. Secondo una prima ricostruzione il signor Graziano stava percorrendo in sella al suo “Kymco? di 250 cc di cilindrata (acquistato il giorno precedente l’accaduto) in compagnia della figlia quattordicenne, la via con direzione Ascoli-San Benedetto poiché faceva rientro a casa.

Quando davanti Villa San Giuseppe, per cause ancora incerte, Caringola si è trovato davanti un ciclomotore “Piaggio Si? appena immesso in via delle Primule. L’istinto è stato frenare ma perdendo il controllo del mezzo, l’impatto è stato inevitabile. Padre e figlia sono caduti a terra mentre il loro scooter è scivolato per una ventina di metri sull’asfalto. L’altro motorino, guidato da A.G., ha subìto la stessa sorte. Chiamati immediatamente i soccorsi, ci si è resi conto della gravità delle condizione di Caringola.

È stato trasportato d’urgenza all’Ospedale Mazzoni e ricoverato in rianimazione. La figlia se l’è cavata con lievi escoriazioni, è stata sottoposta ad esame radiologico per stabilire se ha riportato la frattura del braccio destro e la crenatura di qualche costola. L’altro ragazzo, originario di Spoleto, è stato medicato per qualche ferita.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 314 volte, 1 oggi)