La notizia che l’attuale patron rossoblù vorrebbe vendere anche la Samb ha disatteso le speranze dei tifosi ma ha sollecitato quelle di eventuali nuovi acquirenti. Pare che Lino D’Eugenio e Pietro Iaconi (imprenditori abruzzesi, quest’ultimo presidente della Rosetana), e Romano Malavolta Jr. (attuale presidente del Teramo, da tempo sensibile alle vicissitudini societarie della Samb) si siano fatti di nuovo avanti ma nulla di concreto è trapelato fino ad oggi.

E’ invece reale la proposta del presidente del Chieti Buccilli, che vorrebbe lasciare il Chieti ed acquistare la Samb dove ritiene che ci siano prospettive migliori. Chiaramente l’input lo ha dato il suo Direttore Sportivo, il sambenedettese Enzo Nucifora, da sempre innamorato della Samb.
Nella sua lunga carriera Nucifora che ha riscosso successi in quasi tutte le formazioni con cui ha lavorato. Il suo grande sogno – ci ha confidato in un’intervista di appena un mese fa – sarebbe quello di mettere a frutto l’esperienza maturata in tanti anni di professionismo, nella sua seconda squadra del cuore (la prima è il Messina, la città in cui è nato).
Nucifora aa praticamente convinto Buccilli, intenzionato ad abbandonare il Chieti per le scarse prospettive che riserva l’ambiente neroverde, ma ha trovato due ostacoli.
Il primo è costituito dall’irreperibilità di Luciano Gaucci (entro domani dovrebbe esserci il primo contatto), il secondo da una strana avversione da parte di un gruppo di tifosi, soliti frequentatori di un bar sambenedettese.
Diciamo strana perchè Enzo Nucifora ha un curriculum di rilievo con almeno sette promozioni dalla serie C alla serie B (con la Samb vorrebbe ottenere persino qualcosa di più!).
Non è forse affidabile il signor Buccilli? Sinceramente non abbiamo dati per poter emettere giudizi ma ci conforta quello che ha saputo fare a Chieti, squadra che ha portato vicino ai play off dopo anni di grande buio per la città teatina. Merito, in questi casi, di staff societario (diretto da Buccili) e staff tecnico (diretto da Nucifora). La presenza nell’organico societario di un sambenedettese sarebbe una garanzia di non poco conto. Un’accoppiata che potrebbe dare grandi soddisfazioni alla nostra città, sempre che la famiglia Gaucci sia disposta a lasciare, avendo deciso di non puntare più sulla Samb.
Su questo aspetto credo che pesi un ‘piccolo’ particolare: soltanto quando si saprà in che campionato giocherà il Perugia, Luciano Gaucci prenderà delle decisioni sul futuro della Samb Calcio.

np

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 528 volte, 1 oggi)