Delusione. È questo lo stato d’animo prevalente in casa biancoceleste. I ragazzi del mister Teodori si sono dovuti arrendere davanti all’evidenza. Il pari non li qualificava, la vittoria si. E via la grinta, la concentrazione ma soprattutto un grandissimo cuore che li ha condotti ad un passo dalla finale. Non sono serviti gli applausi dei tifosi avversari, né tanto meno i complimenti della società fermana. È bastata una rete di troppo per infrangere i sacrifici di una stagione. Il Porto d’Ascoli ha avuto la sfortuna di non avere la buona sorte dalla sua parte. Un palo colpito, a porta sguarnita, da dopo soli cinquanta secondi dal fischio d’inizio. Per non elencare le innumerevoli occasioni vanificate da uno strepitoso Piergentili.

Il Porto d’Ascoli ha disputato una gara perfetta. Ha tenuto in mano le redini del gioco per tutti i novanta minuti, lottando con caparbietà su ogni pallone e rendendo insignificante l’avversario ossia la Futura. Tante lacrime al termine dell’incontro, volti tristi misti ad un forte rammarico. La squadra di Teodori esce a testa alta conscia di aver dato di più di ciò che si poteva dare. Sembra un paradosso, imbattuta nella doppia sfida ma sconfitta ugualmente per questioni di miglior piazzamento in campionato.

Nonostante siano trascorse due settimane dall’uscita dai play off, il dispiacere è ancor tanto “la delusione non è ancora passata? – afferma mister Teodori – “ma deve passare per forza. Non ci sono rimpianti per quello che è stato fatto. Nella gara di andata potevamo mettere una seria ipoteca sulla finale ma sapevamo che era una partita delicata. L’importante era non perdere. A Capodarco sapevamo di poter aver più praticità sugli spazi grazie ad un campo che ce lo avrebbe permesso. I ragazzi hanno fatto la loro grande impresa, hanno entusiasmato tutti?. Quando proviamo a chiedergli qualcosa circa il suo futuro è vago “parlarne ora con questa amarezza non mi sembra giusto, è ancora duro da digerire il verdetto. Posso dire che questa è una squadra che non va smantellata ma ritoccata solo in alcuni punti. Ha dimostrato di valere e valere tanto. Non posso che esserne orgoglioso?.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 116 volte, 1 oggi)