La maggioranza fa autogol, l’opposizione cerca di approfittarne. E’ il capogruppo consiliare DS, Giovanni Gaspari ad affondare il colpo: “Lo spettacolo a cui abbiamo assistito nell’ultimo consiglio comunale merita qualche considerazione. Non è infatti ipotizzabile che si possa continuare in questo modo nel non governo della città. Certi comportamenti lasciano stupiti tutti coloro i quali pensano che la politica vada fatta con spirito di servizio. Perchè Forza Italia si ostina a chiedere la convocazione di un consiglio comunale nel pieno di una campagna elettorale, per poi mandarlo deserto? A che gioco si sta giocando? Perché un’amministrazione che ha stipulato un patto con la Città, nel quale veniva affermato che non si sarebbe governato il territorio a colpi di varianti, di fatto sta facendo solo questo?”

Gaspari pone al centrodestra una serie d’interrogativi che sono dei veri e propri capi d’accusa: “Se la maggioranza di centro destra si sfalda sotto i colpi dell’ennesima variante (prima c’è stata quella della Stella Maris, poi è stata annunciata quella sulle zone D2), come pensa di poter affrontare e superare le tensioni di un nuovo Piano Regolatore Generale? Quando al governo si ha un mix di radicalismo, improvvisazione e incompetenza amministrativa, la miscela può diventare esplosiva e devastante per la Città. Come leggere diversamente il braccio di ferro al quale stiamo assistendo da mesi, sull’assessorato all’urbanistica? Quali colpe deve espiare San Benedetto per meritare passerelle elettorali, vedi le iniziative per la carta di identità elettronica o l’iniziativa per la bandiera blu, o veti incrociati che producono solo immobilismo e paralisi amministrativa?”

“La nostra Città, anche alla luce dell’istituzione della nuova Provincia di Fermo” aggiunge il capogruppo DS “ha bisogno di giocare un ruolo nuovo: dobbiamo esser capaci di fare una politica per una Città – territorio in grado di abbracciare il nord dell’Abruzzo, il sud delle marche, il mare ed il nostro entroterra. Dobbiamo andare oltre gli angusti confini geografici e guardare ad orizzonti più ampi”.

La dèbacle patita in consiglio dalla maggioranza potrebbe avere ripercussioni in vista dell’appuntamento elettorale e Gaspari ‘coglie al volo’ l’occasione: “Mi chiedo come possa pensare una giunta, che impiega le proprie energie per combattere guerre interne, a mandare avanti questi progetti e queste idee, per portarci fuori dalla situazione piuttosto critica in cui ci troviamo? Attendiamo sicuramente tempi migliori, ma invitiamo i cittadini a riflettere bene, visto che ci avviciniamo ad importanti appuntamenti elettorali che riguardano il nostro territorio! Preferiremmo non ripetere queste esperienze in Provincia, visto che dobbiamo già subire danni a livello comunale e nazionale”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 147 volte, 1 oggi)