Questa mattina, ad appena due giorni dall’inaugurazione, due classi della scuola media Colleoni (seconda “D” e seconda G) hanno visitato la mostra “Galizia 2002 – Nunca màis petroleo en el mar? in corso a Palazzo Piacentini. Segno che il tema ambientale e i riflessi nell’arte di una fotografa professionista come Barbara Di Cretico di una grande tragedia come il naufragio della petroliera “Prestige? sulle coste della Galizia, riscuotono grande interesse tra gli studenti.

In effetti, il reportage di Barbara Di Cretico documenta una pagina drammatica del recente passato, quel 13 novembre 2002 nel quale la marea nera, dispersasi a causa dell’affondamento della petrolifera “Prestige?, raggiungeva le coste della Galizia compromettendo, forse irreversibilmente, habitat biologici di inestimabile valore e sottoponendo a seri rischi anche le possibilità di locale sostentamento delle comunità locali che da sempre vivono di pesca e di turismo.

Il reportage realizzato da Barbara Di Cretico e la relativa mostra, patrocinata dalla Provincia di Ascoli Piceno e inserita nel programma espositivo del centro di Arte Contemporanea di Palazzo Piacentini – le cui attività sono sostenute dalla Fondazione Carisap – vogliono essere uno stimolo a discutere delle conseguenze sociali di questo disastro, degli irreparabili danni spesso prodotti da un sistema di sviluppo troppo attento al profitto e disinteressato alle conseguenze prodotte sull’ambiente.

La mostra vuole inoltre essere una testimonianza dello straordinario lavoro delle centinaia di volontari che, pur con mille difficoltà, si sono spesi per giorni e giorni per rimuovere l’onda nera, prodotto di un insostenibile sistema di sviluppo, capace di distruggere in una notte il lavoro, i sogni, i progetti di intere generazioni.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 169 volte, 1 oggi)