Ieri pomeriggio partitella in famiglia per il Crotone. Confortanti le notizie per Gasperini, il quale per la gara contro la Samb potrà quasi certamente avere a disposizione Francesco Scardina. Il difensore sinistro infatti ieri ha giocato con disinvoltura e pare essersi completamente rimesso dalla contrattura che lo ha tenuto fermo per due settimane. Anche l’attaccante Corallo ha giocato, ma per lui al massimo ci sarà la convocazione. Giuliano invece, bloccato da due giorni da un colpo alla caviglia, è sulla via del recupero. Unica nota “stonata” Leone; il giocatore ha infatti accusato il riacutizzarsi del dolore dopo i problemi muscolari che lo tormentano praticamente da inizio campionato.

La squadra calabrese lavora in queste ore con estrema tranquillità. Sa di non aver nulla da perdere, è il Catanzaro semmai a doversi preoccupare maggiormente, visto che un’ eventuale sconfitta a Chieti avrebbe il sapore di una beffa colossale. I pitagorici tenteranno di incamerare gli ultimi tre punti a disposizione e poi…si vedrà.

L’allenatore Gasperini è in perfetta sintonia con il clima di serenità che si respira all’interno dello spogliatoio. Nemmeno l’ombra del calcio scommesse – che si allunga sulla gara Crotone-Fermana dello scorso 18 aprile – pare intaccare la tranquillità del gruppo. Il trainer rossoblu annuisce: “La squadra è rimasta molto tranquilla, ed i giocatori si sono allenati come sempre”.

Riguardo a questi ultimi 90 minuti che attendono le due compagini calabresi, distanti tra loro appena una settantina di chilometri, Gasperini afferma: “Noi faremo il nostro dovere, ed il massimo come sempre per tentare di centrare i tre punti, sperando in un risultato positivo da Chieti, ma se così non dovesse essere non ne faremo una tragedia, perché siamo convinti di aver fatto il nostro dovere sino in fondo. E quindi penseremo alla preparazione in vista dei play off, consapevoli di partire con un minimo vantaggio sulla nostra avversaria, dettato dalla nostra posizione in classifica”.

Decisamente più battagliero lo spirito di Vantaggiato, il goleador rossoblu (8 “centri” all’attivo), che grazie alla rete di Foggia tiene ancora accesa la fiammella della speranza. “Campionato finito? – dice il bomber che probabilmente avrà una maglia da titolare accanto a Beretta – Ma volete scherzare? Domenica si gioca l’ultima partita e con essa, la promozione, ne sono certo. Non finirà come tutti pensano e sperano, ce la faremo. Sono strasicuro che domenica il campionato di serie C1 lo vinceremo noi”.

L’ottimismo di Vantaggiato non si sposa con quello della città che non attende la partita con ansia e trepidazione. Non mancheranno i tifosi sulle scalee dell’Ezio Scida – in virtù anche dei prezzi ribassati adottati dalla società – ma non dovrebbe esserci il pubblico delle grandissime occasioni, anche perché in questi giorni è la festa della Madonna a catalizzare gli interessi dei crotonesi. Domenica molti commercianti, anche volessero, non potrebbero raggiungere lo stadio, visto il gran da fare che hanno in questi giorni.

La tifoseria organizzata non ha preparato festeggiamenti di alcun tipo: se l’impensabile si dovesse verificare, si improvviserà al momento…

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 149 volte, 1 oggi)