Sammenedette mmine!

Canzòna mi’, che da lu mare nasce,
E da lu mare suve a la culline,
Canzòna mi’, che ‘n mòcche a le bardasce,
Revinte de lu cante la reggine,

Spicca lu vòle, va’ de llà da mare,
E di’ a lu mònne ‘ntire, che ‘nnu sa,
Nghe ‘nu sturnelle de ‘stu mare chiare:
Che ‘stu paese mi’ bbille è prassà!

Più de ‘na perle
‘N mezze a lu mare
Lùcceche e splinne
De luce chiare!
Pe’ le bellezze,
Fa’ stravedè!…
Sammenedette,
Chi è più de te?

Sammenedette! Tu, ‘n pitte a lu mònne,
Dòve la vite è tutte ‘na bellezze,
Dòve ugne fije jè nda ‘na Madònne,
Dòve ugne mòsse jè nda ‘na carezze,

La palma purte; e come ‘nu Regnante
Tutte lu mònne ti’ sòtte de te;
Pe’ tròne ci ha ‘stu mare che te ‘ncante,
Pe’ dame ste bardasce bbelle bbe’!

Più de ‘na perle
‘N mezze a lu mare
Lùcceche e splinne
De luce chiare!
Pe’ le bellezze,
Fa’ stravedè!…
Sammenedette,
Chi è più de te?

Arrète, te ‘ncurone le culline,
Denànze, te rallegre le Serene,
Da ‘ate, fra lu rose e lu terchine,
Lu Sòle, a file d’òre, te ‘ncatene!1

E tu, bbille ‘ccuscì, tutt’areccitte
Fra chesse vracce che fa resanà…
E lu frastire, che te surchie ‘n pitte,
Reparte…pe’ venitte a retrevà!

Più de ‘na perle
‘N mezze a lu mare
Lùcceche e splinne
De luce chiare!
Pe’ le bellezze,
Fa’ stravedè!…
Sammenedette,
Chi è più de te?

1. I versi di questa strofa furono premiati al Concorso indetto dall’Azienda Autonoma di Cura e Soggiorno il 28 agosto 1949 per la migliore definizione di San Benedetto del Tronto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 405 volte, 1 oggi)