Il rischio che sta correndo la Samb in questi giorni è quello dello sfaldamento definitivo. La sconfitta di Chieti ha lasciato dei brutti strascichi, ma l’episodio andrebbe circoscritto al passato, un passato come il campionato che si va concludendo dove il nervosismo è stato l’elemento unico che ha accompagnato i rossoblù da luglio ad oggi. Gli errori si fanno ma non si devono ripetere: per questo la ricerca di un colpevole a tutti i costi può risultare controproducente.

La società ha sbagliato, a luglio, a novembre e a gennaio: ma è pur vero che dopo una contestazione della tifoseria la stessa società aveva minacciato la smobilitazione, per cui al momento discutere di un campionato che a pur sempre visto una Samb in grado di recitare il ruolo di protagonista (a due giornate dalla fine si è ancora in corsa per un posto play-off, e se a Chieti si fosse vinto avremmo respirato, per la partita di domenica, l’atmosfera dei grandi eventi), può, a guardarsi indietro, apparire come un lusso.

Avranno sbagliato anche i giocatori, gli allenatori, i tifosi e pure la stampa: ma una società seria non si ferma di fronte agli errori. Per questo è nostra convinzione che la vera partita per la Samb non si giocherà domenica prossima, ma da lunedì in poi. Se Luciano Gaucci vuole far dimenticare questo campionato (più per la gestione che per i risultati), venga a San Benedetto, parli con i tifosi, ed individui da subito i punti fermi del prossimo campionato.

Per prima cosa, l’allenatore, che dovrebbe essere Salvatore Vullo (ha un contratto anche per l’anno prossimo). Gli affianchi il suo staff di direttori sportivi e cerchi di portare a San Benedetto quegli uomini che servono alla squadra attuale per diventare una compagine più forte. Confermi almeno Aprea, Cottini, Napolioni, Maschio, Martini, Borneo. Scelga altri calciatori motivati tra quelli attualmente in gruppo. Punti ad acquistare ex novo quattro o cinque elementi di categoria.

Altrimenti, se a partire da domenica la contestazione dovesse diventare permanente e la società lontana da San Benedetto, le conseguenze potrebbero essere imprevedibili.

SAMB. Difesa da reinventare per mister Vullo: oltre a Taccucci ed Aprea squalificati, Franchi “epurato”, si è bloccato anche Pedotti, che si è infortunato alla spalla nel primo tempo di domenica scorsa. Questo pomeriggio la Samb disputerà la consueta partita amichevole con la formazione Beretti allenata da Gigi Voltattorni: probabilmente, con il rientro di Maury come centrale, si vedrà anche, per la prima volta in questo campionato, il portoghese Hilario nel ruolo di terzino destro.

ARBITRO. Samb-Paternò sarà diretta da Pierpaoli di Firenze. Assistenti saranno Zampieri di Forlì e Conti di Lugo di Romagna.
flamminipp@libero.it

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 95 volte, 1 oggi)