IL “GIUDIZIO UNIVERSALE”

PARADISO

IL COMUNE DI GROTTAMMARE E… LE “FAMIGLIE RICICLONE�
Capita raramente di vedere un’Amministrazione che inventi un’iniziativa non solo bella e intelligente sulla carta, ma largamente apprezzata dal pubblico. E’ quello che è accaduto a Grottammare con le “famiglie riciclone�, una vera e propria gara a chi conferisce più rifiuti riciclabili alla ricicleria comunale. Proprio in questi giorni le famiglie più virtuose nell’anno 2003 sono state premiate dal sindaco Merli e dall’Assessore all’ambiente Capriotti. Il premio? La riduzione della tassa sui rifiuti ed una bicicletta, il mezzo ecologico per eccellenza. Anche l’Amministrazione può dirsi vittoriosa: sono infatti sempre più numerosi i cittadini che si impegnano in questa gara. I nostri complimenti per l’iniziativa, un modo intelligente e simpatico per stimolare il senso civico e ambientale della gente.

PURGATORIO

NICOLO’ D’ANGELO (Questore di Ascoli Piceno)
Stiamo assistendo ad una vera e propria escalation di truffe ai danni degli anziani. Basta leggere i giornali, ascoltare i notiziari locali per rendersene conto. Truffatori di ogni tipo ricorrono a raggiri e travestimenti sempre più originali per introdursi nelle case e rubare beni e denaro alle persone anziane. Non è solo una questione di criminalità, è un problema sociale. Il questore D’Angelo ha stigmatizzato questi episodi ed ha chiesto agli anziani di tenere alta la guardia. Facile a dirsi, ma le parole non bastano, così come evidentemente non bastano le pur lodevoli iniziative di informazione e prevenzione fatte sino ad oggi. Occorre più concretezza, a cominciare da una maggiore presenza sul territorio delle Forze dell’Ordine. Tutto questo prima che qualche politico da strapazzo cavalchi il fenomeno e suggerisca che la soluzione di tutti i mali è dare una pistola anche ai vecchietti. A proposito di chiacchiere: qualcuno sa che fine hanno fatto i tanto acclamati “poliziotti di quartiere�?

INFERNO

IL MERCATINO DI VIALE DE GASPERI A SAN BENEDETTO
Dalle iniziative apprezzate dai cittadini a quelle che li fanno letteralmente imbufalire, ecco il rovescio della medaglia. Sabato scorso, 24 Aprile, abbiamo assistito ad una delle iniziative più cervellotiche della storia, con la chiusura al traffico di una corsia in Viale De Gasperi dalle h. 8 alle 20 per ospitare un mercatino. L’iniziativa era stata fortemente voluta dai commercianti di Viale De Gasperi ed avallata dal Comune. Il risultato? Il caos più assoluto, con migliaia di automobilisti imbottigliati, strombazzanti e nervosi, specie negli orari di uscita dagli uffici e dalle scuole. E pensare che al mercatino non c’era veramente nulla di interessante, pochissime pure le bancarelle. Il mercatino dell’inutilità, in tutti i sensi. L’Amministrazione di San Benedetto si è affrettata a precisare che si trattava solo di un esperimento. Da non ripetere.

el nino

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 69 volte, 1 oggi)