Ieri pomeriggio la squadra neroverde si è ritrovata per la consueta seduta pomeridiana del martedì.
Ben poco ha più da dire questo torneo, ma tutto l’ambiente – giocatori, allenatore, direttore generale, presidente – ha tenuto a precisare che il campionato va onorato sino all’ultimissimo minuto dell’ultima partita. Tra l’altro il Chieti dovrà “incrociare i tacchetti” con formazioni che, anche se per motivi differenti, non possono ancora definirsi in vacanza, ovvero, nell’ordine, Samb, Fermana e Catanzaro; la sportività obbliga gli uomini di Pagliari a profondere il massimo impegno per il rispetto delle squadre che lottano per la B o per chi invece si batte per non retrocedere.

Ieri il Giudice Sportivo ha comminato due giornate di stop a Morfù, resosi protagonista di un fallo di reazione nei confronti del sorano Taccola, proprio sul finire di secondo tempo, quando il Chieti stava difendendo il prezioso gol di Califano. Già, non ci avesse messo lo “zampino” Costanzo, a quest’ora la gara di domenica prossima con la Sambenedettese sarebbe stata tutta da godere e invece…

Tanto rammarico in casa neroverde – Nucifora e lo stesso Pagliari hanno dichiarato in coro che il team abruzzese meritava questi benedetti play off – ma ora è necessario voltare pagina e pensare anche al prossimo campionato, da affrontare con rinnovata fiducia e maggiore convinzione nei propri mezzi. A proposito della stagione che verrà, il presidente Buccilli – ieri presente alla seduta di allenamento della truppa neroverde ed impegnato a “parlottare” col mister – sembra intenzionato a confermare Pagliari sulla panchina del Chieti. Lo stesso Buccilli nei giorni scorsi, ricordiamo, aveva avuto dei contatti per la cessione, in parte o totale, delle quote societarie.

In un momento come quello che sta vivendo il calcio nostrano, i presidenti di società piccole come quella abruzzese chiedono l’aiuto di altri imprenditori, allo scopo di garantire ai club una più tranquilla “sopravvivenza”. A tal proposito Buccilli dichiara: “A questi interlocutori concedo ancora alcuni giorni. Poi occorre una risposta definitiva. Una offerta concreta, insomma, perché non c’è tempo da perdere se si vuole partire con il piede giusto in vista della prossima stagione”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 137 volte, 1 oggi)