La Samb affronterà il fanalino L’Aquila in una situazione di emergenza: Tino Borneo, il bomber principe del campionato (venti gol), uscito

per infortunio in Samb-Lanciano, si è sottoposto in giornata ad una ecografia che ne ha ravvisato uno stiramento muscolare. L’attaccante dovrà restare fermo per due giorni, e la sua presenza per la partita di domenica prossima è da escludere.

Aggiungiamo che Bifini è squalificato, Martusciello, proponibile come fantasista, è infortunato, Fanesi potrebbe non recuperare. In pratica mister Vullo si trova senza attaccanti, considerando che Kanjengele non può essere schierato dal primo minuto perché non reggerebbe fisicamente l’intera partita. Domani, nell’amichevole contro la formazione Berretti prevista al Campus-AMA di Spinetoli, Vullo potrà fare i suoi esperimenti. Il problema è che, perdurando l’esclusione di Filippi, Franchi ed Esposito, e non sapendo ancora bene quale sia la situazione di Napolioni, Vullo rischia di non poter fare alcun tipo di scelta. C’è Martini che potrebbe essere schierato come ala destra, Esposito come ala sinistra, Gennari a far le veci di Martusciello, ma come si può giocare senza un attaccante? A meno che Vullo non riesca ad inventarsi qualcosa (il giovanissimo Minotti o un difensore centrale messo in attacco…) la situazione rischia di non essere affatto rosea.

ARBITRO. Sarà Brunialti di Trento a dirigere Samb-L’Aquila. Con lui la Samb ha vinto due volte (Samb-Martina 3-0 e Samb-Chieti 1-4 nel 2002-03) e pareggiato un’altra (Sora-Samb 1-1). In quest’ultima occasione ricordiamo le notevoli polemiche seguite al gol del Sora.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 111 volte, 1 oggi)