Bisogna ammetterlo: l’assessore all’urbanistica, Leo Sestri, è il protagonista indiscusso della scena politica sambenedettese. Polemiche, rimpasti, rimpastini, minacce di dimissioni: l’esponente della Giunta Martinelli, perennemente al centro delle travagliate vicissitudini della coalizione governativa, ha attraversato mille tempeste senza mai esserne scalfito, restando ben saldo sull’amata poltrona. Ma per l’impavido Sestri non c’è tregua: su di lui sta per abbattersi l’ennesima bufera.

L’uomo ‘meno amato’ nel centrodestra è salito nuovamente agli onori delle cronache cittadine, a causa della sua possibile candidatura alle prossime elezioni provinciali nelle fila della lista ‘Socialisti Autonomisti e Liberali – Uniti per il Piceno’, formazione politica che punta a risorgere dalle spoglie del defunto Partito Socialista di craxiana memoria (impresa più volte tentata e mai riuscita). Per l’assessore Sestri è in ballo addirittura un posto da candidato presidente. Legittima aspirazione, si penserà. In parte sì. La lista in questione si propone come forza autonoma ed equidistante rispetto agli schieramenti di centrodestra e centrosinistra.

Fin qui nulla di strano. Peccato, però, che in vista di un eventuale ballottaggio i ‘Socialisti Uniti per il Piceno’ potrebbero apparentarsi con l’Ulivo, considerato che a livello nazionale i rapporti del partito con la Casa delle Libertà non sono buoni. In tal caso, Sestri si troverebbe invischiato in un vero e proprio ‘conflitto d’interesse’ (politicamente parlando, s’intende).

Insomma, una faccenda scomoda. Intanto il sindaco Martinelli ha preso immediatamente posizione, invitando l’assessore a sciogliere la riserva in tempi brevi: dentro o fuori. Il centrodestra ha accolto positivamente l’appello del primo cittadino, con l’auspicio che il responsabile dell’urbanistica opti per il ‘salto’ di poltrona.

Stretto tra due fuochi, il buon Sestri potrebbe anche meditare una scelta clamorosa: restare nella squadra di governo. La maggioranza trema.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 132 volte, 1 oggi)