Le indagini poste in essere dalla Guardia di Finanza, coordinate dal comandate provinciale Guido Pieri, hanno portato all’individuazione ed alla denuncia di un trentotenne sambenedettese che, nel giorno di Pasqua, aveva sparso il terrore presso lo chalet “La Medusa”, rovinando la festa (ed il pranzo) sia ai clienti, sia ai proprietari dello stesso, annunciando la presenza di una bomba all’interno della struttura ricettiva.

A seguito dell’acquisizione dei tabulati telefonici delle utenze, in pochi giorni si è riusciti ad individuare un uomo che da una cabina telefonica aveva effettuato alcune chiamate sospette la mattina del giorno di Pasqua.

Una volta convocato in caserma, lo stesso ha ammesso la sua responsabilità.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 120 volte, 1 oggi)