Aprea 7: para il parabile e in alcune occasioni anche l’imparabile. Non ha colpe sul primo gol, ma forse poteva essere più accorto in occasione del raddoppio (Ferrigno lo beffa con un pallonetto da centrocampo). E’ merito suo se la Samb non esce dal Ceravolo con un passivo più grave.
Taccucci 4: è il migliore del reparto difensivo per tutto il tempo in cui rimane in campo. Il direttore di gara vede una sua gomitata a Morello e lo butta fuori senza neanche starci a pensare troppo. Da quel momento la strada si fa tutta in salita e per la Samb si apre un calvario che dura fino al 90°.
Manni 5: ad inizio gara, Toledo lo mette seriamente in difficoltà, saldandolo ogni volta che riesce a puntarlo palla al piede. Dopo l’espulsione di Taccucci, gli spazi si comprimono e riesce a controllare il suo diretto avversario, con più facilità.
Franchi 5: non parte con il piede giusto e dopo pochi minuti regala a Corona una buona occasione per portare in vantaggio i padroni di casa, pasticciando con Pedotti un facile disempegno. Quando il Catanzaro si fa arrembante per via della superiorità numerica, da il tutto per
tutto, ma nulla può sulla stoccata da fuori area con cui De Simone porta in vantaggio i calabresi.
Napolioni 6: tutte le azioni offensive passano per i suoi piedi. Nella ripresa fa quello che può, per aiutare la difesa a sostenere l’assedio giallorosso.
Pedotti 5,5: ad inizio gara, rimedia un’assurda ammonizione che potrebbe condizionare la marcatura del potente Corona nel proseguo della gara. Da il meglio di se, quando la Samb rimane in 10, ma non è abbastanza per salvare il pareggio.
MAschio 5: parte contratto e fatica a trovare spazio per le percussioni offensive sulla fascia. Nel secondo tempo, Vullo lo mette nel mezzo, per cercare di controbattere l’iniziativa dei padroni casa con il possesso palla, ma poi lo sostituisce con Camillucci per dare più solidità alla squadra nella zona mediana del campo.
Filippi 5,5: non perde la lucidità nemmeno quando saltano tutti gli schemi, ma non prova mai la stoccata smarcante per gli attaccanti,limitandosi a girare la palla a centrocampo. Da lui ci aspettiamo maggiore personalità.
Borneo 7: non è mai pericoloso, ma gioca moltissimo per la squadra, ripiegando a centrocampo per guadagnarsi palloni giocabili.
Encomiabile per l’impegno.
Esposito 5: gioca prima da esterno, poi da seconda punta di supporto a Borneo, quando Fanesi lascia il posto a Maury, senza mai essere incisivo.
Fanesi 6: rimane in campo fino a quando la Samb può giocarsi la gara alla pari con il Catanzaro. Si butta su tutti i palloni, ma non riesce mai a ritagliarsi occasioni pericolose.
MAury 6: Vullo lo butta nella mischia dopo l’espulsione di Taccucci, preferendolo a Cottini in una difesa a tre. Si mette in luce, procurandosi la punizione che permette alla Samb di creare l’unica azione pericolosa dell’incontro.
Camillucci sv: prova a dare il suo contributo, ma la barca è già bella che affondata.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 99 volte, 1 oggi)