Catanzaro: 14 partite in casa, 11 vittorie, 3 pareggi. Nessuno, dalla Serie A alla C2, ha questa media punti nelle partite casalinghe. E la Samb che sabato prossimo giocherà nella città calabrese non può assolutamente perdere, e deve cercare di vincere. A suo favore, i rossoblù hanno il fatto che anche il Catanzaro, nonostante il secondo posto in classifica, non può permettersi di disputare una gara di attesa: siamo convinti che ne uscirà fuori un incontro vibrante, teso. Un incontro che profuma già di Serie B.

Ieri i rossoblù, che oggi hanno ripreso gli allenamenti, hanno vinto per la prima volta una gara casalinga senza soffrire fino all’ultimo minuto: ringraziano i tifosi rossoblù, che dopo un anno di sofferenze, per la prima volta, sono tornati a casa rilassati. Al di là del risultato, da dimenticare soprattutto perché la Fermana non è il Catanzaro, le note positive della domenica stanno tutte nello schema tattico impostato da Vullo.

Il 3-5-2 e le sue variabili potevano rappresentare un’esperimento, ma il primo tempo con la Viterbese (giocato male) e la partita contro il Benevento (4-0), hanno giustamente fatto tornare il mister sul più classico 4-4-2, con il quale la Samb di Trillini era rimasta a galla e la squadra di Vullo aveva espresso il bel calcio di Sora e del secondo tempo con la Viterbese. Ieri è arrivata la conferma che con questo modulo la Samb si esprime meglio: ma va dato merito a Vullo di aver indovinato la mossa che noi avevamo suggerito prima della gara. Tutti pensavano di vedere Bifini come esterno di centrocampo, ma Vullo, nonostante non lo abbia mai visto giocare in quel ruolo, ha capito che Bifini è un attaccante e ha scelto Carmine Esposito, che gioca “naturalmente” come esterno sinistro di centrocampo. Ed Esposito lo ha ripagato con un gol e alcune giocate da Esposito.

Vullo ha anche indovinato la riproposizione di Manni, un giocatore che, dopo un inizio complicato, era in fase di ascesa prima dell’infortunio al braccio. Qualche problemino la Samb ce l’ha a centrocampo: Filippi ha classe e dà ordine, ma non ha ancora il passo per reggere i novanta minuti e un pressing stretto degli avversari; meno male che Napolioni corre per tre…Ad ogni modo, fossimo in Vullo, riproporremmo la stessa squadra di domenica: tenendoli tutti sulla corda.

TRASFERTA. La Samb ha richiesto quattrocento biglietti al Catanzaro. I tifosi stanno già organizzando la trasferta: sarà una sfida tra due delle tifoserie più calde del girone. Chi non ci sarà, avrà torto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 80 volte, 1 oggi)