Con la stagione agli sgoccioli, il Grottammare deve cambiare volto. Non può presentarsi in casa del Morro d’Oro (vice-capolista) senza testa né gambe. Occorre una prestazione d’altri tempi, fatta di cuore e spirito di sacrificio. I ragazzi di Severini hanno l’opportunità di poter agguantare il quinto posto distante solo due lunghezze. Per cui i biancocelesti devono necessariamente conquistare i tre punti aspettando un risultato positivo dall’incontro tra il Foligno (capolista) e l’Albalonga (attualmente in quinta posizione). Una gara difficile poiché il Morro d’Oro ha perso solo una volta sul proprio terreno di gioco mentre il Grottammare ha totalizzato solo due successi in trasferta.

Il Centobuchi, reduce da una settimana di grande stress emotivo, è giunto ad un bivio. Continuare sulla strada della promozione o abbandonare il progetto. Contro il Caldarola (sesto con un punto di distacco) i ragazzi di Marocchi hanno il divieto di sbagliare. Riconquistata la zona che conta, i tre punti sono indispensabili a mantenerla. La Ripa è quella che non può chiedere niente a questo campionato. In casa darà il benvenuto all’Amandola, formazione che lotta per evitare i play out. Una gara in cui i ragazzi di Mascitti non possono che far dimenticare la sconfitta di sette giorni fa.

Il Porto d’Ascoli si appresta a disputare la seconda gara (consecutiva) casalinga ricevendo l’Offida. La squadra di Teodori deve andare avanti sulla strada del successo. È l’unico risultato che garantirebbe un posto sicuro nei play off. L’Acquaviva, costretta a rincorrere la zona promozione (ricordiamo che sono tre i punti mancanti), dovrà vedersela con l’agguerrita Futura. La formazione di Cocci ha bisogno di vincere per tenere vive le speranze. Ma è consapevole che quelli della Futura non faranno sconti in vista di un possibile primato.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 109 volte, 1 oggi)